IL RITORNO DI BERNARDOTTO A VIBO, ORA IL BOMBER È PIÙ MATURO

IL RITORNO DI BERNARDOTTO A VIBO, ORA IL BOMBER È PIÙ MATURO

15 Aprile 2021 0 Di Michelangelo Freda

Il Razza è stato il suo primo stadio da professionista, adesso Bernardotto ci torna con la consapevolezza di esser cresciuto e di indossare la maglia di una big come l’Avellino, che da seconda in classifica si appresta a terminare la stagione sportiva e di giocarsi le chance per la Serie B.

L’attaccante romano, nato il 22 aprile del 1997, sta affrontando il secondo anno nel professionismo con una crescita costante delle proprie prestazioni. Finora ha collezionato cinque goal, alternandosi in avanti con Maniero. Una statistica che quasi combacia con quella della passata stagione, dove realizzò 6 reti, con mister Modica chiamato a dargli continuità dopo averlo pescato al Lanusei.

I tifosi dell’Avellino ricordano molto bene Gabriele Bernardotto. In Serie D, da avversario, si trasformò in un incubo. Con la maglia del Lanusei, in 34 presenze, realizzò 15 goal, trascinando la squadra sarda verso il primo posto per poi perdere la gara spareggio contro l’Avellino in quel di Rieti. Il  giocatore romano, ad un Lupo in Famiglia, affermò di essersi innamorato in quell’istante del pubblico irpino, accorso numeroso a vedere la partita, facendo tremare l’impianto sportivo laziale. Gabriele adesso vorrebbe realizzare qualche goal sotto la curva biancoverde, facendosi travolgere dal quel boato di gioia che solo gli irpini sanno regalare. Contro la sua ex squadra, Bernardotto, avrà modo di mettersi in mostra, cercando eguagliare le reti segnate nella scorsa stagione.