VERSO LE REGIONALI IN CAMPANIA, MASCHERINE-SANTINI AI TEMPI DEL COVID

VERSO LE REGIONALI IN CAMPANIA, MASCHERINE-SANTINI AI TEMPI DEL COVID

6 Agosto 2020 0 Di La redazione

Difficilmente si vedranno comizi e folle oceaniche a causa delle disposizioni anticovid, ci si adegua ai tempi . Gli utlimi aggiornamenti dalla cronaca politica

Sabato 22 agosto ore 12. La scadenza dei termini per le candidature si avvicina eppure, in politica, è un tempo lontanissimo. Soprattutto quando i conti non tornano. Accade, ma ormai non è una novità, nel Pd avellinese dove cresce l’attesa per le scelte che il Commissario Cennamo sottoporrà alla Direzione Regionale. Il conclave per la fumata bianca alle candidature si sarebbe dovuto tenere il 18 agosto ma in queste ore si cerca di anticipare a martedì 11 per non arrivare davvero nei vicoli ciechi dell’ultimo secondo.  Oggi, intanto, scadevano i termini che il comitato De Luca aveva imposto agli alleati per presentare i nomi degli aspiranti ad un posto a Palazzo Santa Lucia. L’operazione servirà a verificare se tutti siano davvero in grado di produrre liste. Prenderà di conseguenza il via il “dimagrimento” delle 17 compagini che attualmente sembrano sostenere il governatore uscente Vincenzo De Luca. E non è detto che qualche candidato che ha già stampato manifesti e vele, non subisca alla fine amare sorprese.

Se al tempo del Covid difficilmente assisteremo a comizi di Piazza e raduni oceanici già difficili prima della pandemia, ecco che in questa anomala e singolare campagna elettorale i candidati si adeguano. E’ il caso della candidata di Noi Campani Adele Nigro che ha già cominciato a distribuire mascherine protettive al post dei santini che, tuttavia, non passano mai di moda.

*********************************************************************************************************

LE ATTIVITA’ DEI CANDIDATI

Provincia di Avellino. Per primo il Movimento 5 Stelle ha chiuso le liste. Carmen Bochicchio sceglie il confronto diretto con la gente e nei prossimi giorni sarà presso i mercati di Monteforte e Mercogliano per proseguire la campagna di ascolto.

 

 

In Forza Italia, in attesa che si completino le caselle delle quote rosa, è già in campo l’avvocato Anna Vecchione che denuncia il sistema colabrodo delle reti idriche, appoggia la battaglia per il no al biodigesteore a Chianche e da ex assessore a Tufo intende rilanciare il tema dell’assistenza sanitaria per la carenza di medici di base.

 

Antonio Aufiero lancia ufficilamente la sua pagina facebook dopo il recente incontro con il Vicepresidente nazionale Tajani. Prosegue sul territorio la campagna di ascolto dell’ex sindaco di Pratola Serra.

 

 

Giovannantonio Puopolo, esponente arianese di Forza Italia, evidenzia la decisione di Fiat di produrre mascherine oltre ai motori negli stabilimenti di Avellino e Pratola Serra evidenziendo il corto respiro e i dubbi, dal suo punto di vista, della operazione.

 

 

 

Nel centrodestra a sostegno di Caldoro la lista dell’Udc rimarca il simbolo della Federazione Popolare dei Democratici Cristiani. “L’unicà novità – dichiara l’ispiratore Giuseppe Gargani – a fronte di liste trasformiste e senza identità”. Se Ugo Maggio Presidente del Consiglio comunale di Avellino sarà il capolista, è ancora da definire il resto della squadra.

 

Provincia di Benevento. Gino Abbate a sostegno di De Luca con “Noi Campani” per andare oltre le promesse delle campagne elettorali fornisce i suoi contatti allo scopo di manifestare vicinanza ai problemi e l’impegno ad affrontarli.

“L’obiettivo – argomenta ancora Abbate – è permettere che i cittadini non siano solo bombardati da promesse elettorali di candidati e schieramenti ma, anche attraverso tutti gli strumenti messi a disposizione dalle nuove tecnologie, focalizzare le attenzioni su specifici temi di rilevante impatto. Per inoltrare proposte, suggerimenti tematici e argomenti è possibile contattare Gino Abbate alla pagina Facebook Luigi “ Gino ” Abba te , alla pagina Instagram @abba tegino oppure all’indirizzo email abbate.campania@gmail.com

 

Provincia di Salerno. “Dell’ex governatore Caldoro non se ne può più scrive Enrico Farina (M5S). Come candidato al Consiglio Regionale della Campania e soprattuto come  battipagliese, che ogni mattina si sveglia con il peso di dover sopportare l’olezzo infernale che infesta il nostro territorio, non accetto che l’ex governatore della Campania, tale Stefano Caldoro , venga qui ad ergersi come paladino dei cittadini. Vogliamo ricordare le responsabilità dell’ex governatore in merito alla deprecabile condizione in cui versa la nostra comunità, costretta a subire il peso ambientale ed economico dell’abnorme presenza di discariche site nel nostro territorio. La nostra vision di Battipaglia, come capofila della Piana del Sele, è completamente differente ed orientata a fare di questo territorio la #FoodValley d’Italia, come espresso dal nostro candidato presidente Valeria Ciarambino.

 

Provincia di Napoli. “Vedere in questi giorni alcuni giovani di Torre del Greco ripulire da rifiuti e sporcizia lo slargo antistante la Vesuviana, o gli attivisti impegnati a ‘vigilare’ il Vesuvio da roghi e sversamenti, non può e non deve lasciare indifferenti, ma essere da impulso a riflessioni più ampie”. Lo afferma Clelia Gorga, già consigliere comunale a Torre del Greco, candidata con la lista Campania Libera alle prossime elezioni regionali. “Dopo una fase di sviluppo assistiamo da quasi vent’anni ad un calo di attenzione da parte del governo centrale al ruolo del volontariato, con conseguenti ripercussioni su tutti i territori della Penisola. Parta quindi dalla Campania – è la proposta – un’attività di sensibilizzazione su questo tema che coinvolga le altre Regioni affinchè si avvii un confronto con lo Stato che porti ad un rilancio del settore, che oggi vive una situazione di forte disagio a causa delle sempre minori risorse stanziate per il welfare, considerando – nota Gorga – che il volontariato continua a svolgere spesso  una funzione di supplenza all’intervento pubblico, in particolare dei Comuni, che devono fare i conti con bilanci sempre più risicati.