VERSO LE ELEZIONI REGIONALI. IL DIARIO DELLE LISTE E DEI CANDIDATI

VERSO LE ELEZIONI REGIONALI. IL DIARIO DELLE LISTE E DEI CANDIDATI

24 Agosto 2020 0 Di La redazione

L’agenda. Domani, martedì 25 agosto, alle 10.30, la presentazione della lista Democratici e Progressisti presso l’hotel de La Ville di Avellino. Nel pomeriggio, alle 17.30, l’inaugurazione del comitato elettorale del candidato del Pd Maurizio Petracca in Piazza Libertà.

Le attività dei candidati e delle liste

Cusano, Lega Salvini Premier: “Il territorio prima di tutto”

Domani sera a Salerno la presentazione ufficiale dei candidati alle Regionali 2020.

“Il territorio, le comunità, prima di tutto”. Esordisce così Generoso Cusano, capolista in Irpinia con ‘Lega Salvini Premier’, in vista dell’appuntamento per le Regionali del 20 e 21 settembre. Domani sera l’ex assessore provinciale ai Lavori pubblici sarà presente alla convention di Salerno che aprirà ufficialmente la campagna elettorale di fine estate e lancerà nell’agone politico campano i candidati delle cinque province. Cusano non nasconde l’emozione nonostante la lunga e solida esperienza politica maturata in ventisei anni di attivismo politico ai massimi livelli provinciali e amministrativi. “Siamo pronti a suonare la carica- ha aggiunto ancora Generoso Cusano-, e siamo motivati più che mai a estromettere questo Governo che non ha certo operato per le aree interne, anzi. Con De Luca l’entroterra irpino è stato completamente dimenticato anche in piena emergenza Covid-19. Il caso di Ariano, con una sanità ostaggio della politica e degli umori degli attuali governanti, è quanto mai emblematico. L’Irpinia intera merita attenzione e soprattutto rispetto. E noi abbiamo scelto di esserci, di impegnarci affinché il nostro territorio, finora assente e ai margini, torni centrale nel dibattito politico regionale”.

Sanità, viabilità, infrastrutture, agricoltura e rilancio dei comparti produttivi strategici sono i punti salienti dell’agenda politica di Generoso Cusano, candidato capolista con ‘Lega Salvini Premier’ per l’appuntamento del rinnovo del Consiglio Regionale della Campania.


VINCENZO CIAMPI, CANDIDATO ALLE REGIONALI CON IL MOVIMENTO CINQUE STELLE:

Il post su facebook.Un patto sulla sicurezza e la legalità, ci sono candidati pronti a sottoscriverlo?

“Un patto sulla sicurezza. Ci sono candidati pronti a sottoscriverlo?- scrive Ciampi su Facebook – Prima la sicurezza. Questo tema è centrale nella gestione di una comunità. Nel capoluogo Irpino mai prima d’ora abbiamo assistito a sparatorie in pieno centro,di giorno, in luoghi frequentati. Solo il caso ha voluto che non fossero coinvolti passanti o magari ragazzini. Piena fiducia nelle forze dell’ordine, nella magistratura, nel prefetto: sono in grado di rispondere a questo attacco con i mezzidi cui dispongono. Ma è indispensabile un forte appello alla coscienza civica di ognuno di noi, delleforze politiche, affinché si guardi a questi avvenimenti senza ipocrisia. È indispensabile che non si metta la testa sotto la sabbia o che vinca la tentazione della sottovalutazione o, peggio ancora, il qualunquismo. Siamo una città dell’hinterland Napoletano, in qualche modo di frontiera, dove si sono destabilizzati gli equilibri tra clan rivali, come dice l’Antimafia. Da tempo un’inchiesta è stata avviata, vanno a processo i responsabili di un vasto giro di racket e usura. Non basta? Sì, ma ora tocca a noi.Siamo in campagna elettorale,gli appelli che si fanno, le promesse, sono tutte quante in direzione di un futuro luminoso, di sviluppo dell’economia e delle imprese, in direzione del lavoro. Ma ci si dimentica di notare che qualsiasi intervento deve essere fatto su un territorio sano, integro in cui sia stata fatta piazza pulita della malavita organizzata. Lo ha spiegato bene il vescovo. L’Irpinia non è senza camorra. È un luogo comune rassicurante fingere che la camorra non sia una realtà che ci riguarda. Chi fa politica, chi è impegnato nel dare risposte ai cittadini, mente a se stesso e mente alla gente se ignora la camorra. Un patto tra le forze politiche; un manifesto per la legalità è il primo passo per sciogliere il cappio che stringe alla gola la provincia. Ecco la nostra proposta. Ora tutti a firmare.”


Regionali, Pionati: “Il centrodestra va ricostruito in Campania”
 “Ora il centrodestra va riorganizzato anche perché si è depurato dagli opportunisti che sono andati tutti con De Luca”. È l’appello che lancia al centrodestra il leader di Alleanza di Centro, Francesco Pionati, presente alle regionali in Campania con proprie liste a sostegno di Stefano Caldoro.
“Come Alleanza di Centro – aggiunge Pionati – abbiamo dimostrato di stare in campo con nostre liste nonostante la situazione di grande difficoltà che vive il centrodestra in Campania. Ma è necessario ricostruire la coalizione al di là del risultato che si avrà, perché con De Luca abbiamo toccato il punto più basso, dal dopoguerra ad oggi, della politica”
“In Campania – conclude Pionati – stanno emergendo tutte le promesse fatte e non mantenute da De Luca: dalla storiella che ha fermato il coronavirus, e dai dati che emergono non è così, al disastro della spesa dei fondi europei, dove per assenza di grandi progetti non è stato realizzato niente”.

Sparatorie in città, Labruna (Terra): «Avellino e l’Irpinia non sono immuni alla presenza dei clan: non possiamo permetterci di abbassare la guardia»
 
«Sulla questione, imbarazzante silenzio da parte di Carlo Sibilia»
«I recenti avvenimenti registrati nella città capoluogo non fanno altro che confermare quanto già segnalato nell’ultimo rapporto della Dia: l’Irpinia non è immune alla presenza e ai condizionamenti dei clan», così Rita Labruna, candidata al consiglio regionale capolista di Terra.
«Durante la campagna elettorale – continua Labruna – al di là degli slogan ci vorrebbero proposte vere: la legalità non è solo la lotta ai clan, ma anche il contrasto ad atteggiamenti che portano in embrione il seme della camorra che troppo spesso si registrano pure nella gestione della cosa pubblica».
«La questione legalità va, dunque, affrontata a 360 gradi mettendo in campo azioni quanto più concrete possibile. Sul punto, è necessario un appello corale che tutti noi candidati regionali dobbiamo condividere».
«Inoltre, sarebbe opportuno capire che fine abbia fatto L’Osservatorio sulla legalità nella città capoluogo, proposto in seguito alle vicende del clan Partenio. In merito, appare assordante anche il silenzio del Sottosegretario agli interni, Carlo Sibilia: ci vuole una presa di posizione di tutti i livelli istituzionali».
«Rispetto ai recenti fatti, l’auspicio è che ci sia a breve una svolta nelle indagini, confidando allo stesso tempo in una netta presa di posizione da parte dei rappresentanti politici».