Home / Attualità / VENDE NELL’OSPEDALE “MOSCATI” ROLEX, ABITI E ACCESSORI TAROCCHI, DENUNCIATO DALLA FINANZA

VENDE NELL’OSPEDALE “MOSCATI” ROLEX, ABITI E ACCESSORI TAROCCHI, DENUNCIATO DALLA FINANZA

Lotta al falso, le Fiamme Gialle sorprendono un uomo all’interno del nosocomio

Continua ininterrottamente l’azione della Guardia di Finanza di Avellino per il contrasto alla vendita di prodotti contraffatti.
La persistente presenza sul territorio delle pattuglie della Compagnia di Avellino ha portato all’individuazione di un soggetto che, in un luogo alquanto inaspettato, vendeva prodotti recanti i marchi di note griffe di vestiario ed accessori.
I finanzieri in borghese del Nucleo Mobile della locale Compagnia hanno infatti scovato un cittadino italiano intento a proporre a medici, infermieri, pazienti e visitatori dell’”Azienda Ospedaliera Moscati” di Avellino diversi articoli contraffatti, messi in “vetrina” proprio sulle sedie poste all’ingresso principale del nosocomio.
In particolare, il soggetto intendeva piazzare scarpe, maglie, occhiali da sole e perfino un orologio con il logo della nota marca Rolex, per un totale di 74 articoli contraffatti, i quali gli avrebbero fruttato all’incirca 2.500 euro.
La merce rinvenuta è stata sottoposta a sequestro e d il soggetto denunciato alla locale procura della repubblica per il reato contemplato dall’articolo 474 del codice penale (introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi). Il risultato di servizio, che si pone in evidenza per la particolarità del luogo in cui è avvenuto, si colloca nell’ambito dell’intensificazione dei controlli che la Guardia di Finanza predispone durante il periodo estivo e rientra appieno nel quadro delle molteplici attività che i finanzieri svolgono quotidianamente in difesa del tessuto economico provinciale, a presidio del libero mercato e della legalità ed a tutela dei cittadini e delle imprese rispettose delle regole.
La lotta alla contraffazione rappresenta, infatti,una delle priorità dell’azione operativa della Guardia di Finanza ed è tesa a reprimere quelle forme di commercio illegale non autorizzato che costituiscono una piaga amara del settore comme
rciale irpino nonché una forma diconcorrenza sleale per i commercianti onesti.

Circa Vincenzo Di Micco

Vincenzo Di Micco

Vedi Anche

LE SCUOLE DI ATRIPALDA SONO SICURE? IL SINDACO TIRI FUORI LE CARTE

Commissionato da otto mesi uno studio sulla staticità degli edifici atripaldesi. Ancora nessuna notizia alla ...

ARIANO IRPINO, AGENTI DI POLIZIA AGGREDITI IN CARCERE

LE PROTESTE DEL SAPPE: “CAMPANIA PENITENZIARIA E’ ALLO SBANDO” Ancora alta tensione in un carcere ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *