VALLE UFITA. CACCIATORI TROPPO VICINI ALLE CASE: IMPALLINATI ANCHE GATTI

VALLE UFITA. CACCIATORI TROPPO VICINI ALLE CASE: IMPALLINATI ANCHE GATTI

12 Novembre 2018 0 Di Monica De Benedetto

Alcuni cacciatori sparano troppo vicino alle case e qualche volta gli animali domestici come i gatti ci vanno di mezzo. Lamentele da parte dei residenti in campagna di diversi paesi della Valle Ufita. Si chiede ai cacciatori maggior rispetto.

 

Un fine settimana piuttosto movimentato in Valle Ufita: cacciatori troppo vicini alle case e gattini impallinati. L’Estate di San Martino oltre alla piacevolezza delle belle giornate ha portato anche qualche disagio per i residenti in campagna che hanno assistito ad un’affluenza notevole di cacciatori tra sabato e domenica. Numerose infatti le segnalazioni e le lamentele rispetto ad un eccessivo avvicinarsi dei cacciatori alle abitazioni.

In particolare da Flumeri arriva lo sdegno di una professionista che è anche mamma e che quindi non si sente tranquilla nel lasciare uscire i suoi figli a giocare in giardino: “E’ vergognoso – afferma su Facebook – che si permetta ai cacciatori di avvicinarsi così tanto alle abitazioni private e sparare come se fossimo sotto assedio”. Situazioni simili anche a Melito, Bonito e ad Ariano Irpino. Qui un cercatore di funghi racconta del grande spavento di essersi sentito “sotto mira” ma poi per fortuna il cacciatore si è accorto che si trattava di una persona e non di un animale.

E’ andata peggio invece ad un gattino a Grottaminarda. Oscar è stato impallinato su di un fianco, subito sottoposto alle cure veterinarie è fuori pericolo. Probabilmente è stato colpito per sbaglio. Molti raccontano di avvertire non solo gli spari in vicinaza ma anche i pallini che cadono sui tetti.