AVELLINO. CARENZA VACCINI PER I BIMBI,  NIENTE DOPPIA DOSE. FAMIGLIE INCREDULE

AVELLINO. CARENZA VACCINI PER I BIMBI, NIENTE DOPPIA DOSE. FAMIGLIE INCREDULE

16 Novembre 2020 0 Di La redazione

Il Distretto di Avellino sta informando telefonicamente le famiglie dell’esaurimento scorte. I bambini già sottoposti alla prima dose non saranno richiamati per ultimare la copertura. L’incredulità e le segnalazioni alla nostra redazione

Che la campagna mediatica abbia funzionato è evidente. Vaccinarsi, per distinguere Covid da influenza: il messaggio è arrivato forte e chiaro attraverso il tambureggiamento mediatico.

Le richieste sono andate ben oltre le previsioni, superando spesso il numero delle prenotazioni.

Le dosi per adulti sono scarseggiate negli studi dei medici di base e tutt’ora nelle farmacie.

La penuria si registra anche per il vaccino antinfluenzale dei bambini.

Premessa: i minori non sono immuni dal Covid ma nella stragrande maggioranza dei casi risultano asintomatici o smaltiscono agevolmente il virus.  Gli esperti confermano, però, che possono rivelarsi super diffusori. In previsione della riapertura delle scuole sarebbe importante, dunque, una vaccinazione antinfluenzale capillare che aiuti i medici nella diagnosi differenziale, covid o influenza?

A gestire le procedure vaccinali quest’anno in Irpinia sono stati direttamente i distretti Asl, non i pediatri di base. Una scelta che aveva provocato la dura presa di posizione dell’ordine dei Medici. La denuncia, in buona sostanza, era stata di una scelta che metteva a rischio la distribuzione a tappeto con risvolti antieconomici in caso di flop (quarantene, medicine, tamponi etc. etc.).

Ma torniamo alle segnalazioni. Stando a quanto ci riferiscono diversi genitori, i bambini che già hanno effettuato la prima dose non verranno richiamati per la seconda. Sopra i 9 anni si suppone che i bambini abbiano già incontrato l’influenza nel corso della loro vita per cui la doppia dose riguarda i bambini dai nove anni in giù. A scorte esaurite la scelta: chi ha già fatto il primo ciclo non verrà convocato per i richiami. E quando le famiglie, contattate telefonicametne, hanno provato a chiedere spiegazioni è stato risposto loro che in fondo ci sarebbe stata “solo minor copertura”.

La segnalazione al momento riguarda solo il Distretto di Avellino.