US AVELLINO, CI E’ SFUGGITO QUALCOSA ?

US AVELLINO, CI E’ SFUGGITO QUALCOSA ?

27 Agosto 2019 0 Di Norberto Vitale

L’Avellino alla prima di campionato ha preso una vistosa sberla casalinga dal Catania. La squadra non è pronta, è incompleta. La sconfitta tennistica riporta al suo residuo valore il bagliore dell’amichevole vinta con il Bari e conferma, dopo le vicende societarie riflesse dalla crisi Sidigas, che sarà un anno di passione e resistenza, come avevano capito e hanno confermato i tifosi, applaudendo a lungo la squadra sconfitta. Riemergono, e questo preoccupa, problemi finanziari: si è dovuto fare a meno di tre nuovi acquisti perché i loro contratti sforavano il budget di 1 milione di euro accordato all’Avellino. Ci sarà bisogno di una nuova fideiussione per coprire il loro costo. Averli avuti a disposizione probabilmente non avrebbe cambiato il corso della partita e il risultato ma c’è di che preoccuparsi. Speriamo che si trovino le risorse essenziali per ratificare quelli e altri contratti e si definisca presto la certezza finanziaria su cui potrà far affidamento la società da qui alla fine del campionato. I tifosi hanno fatto la loro parte. Ieri al Partenio-Lombardi c’erano 5.400 paganti, circa 2.500 dei quali hanno sottoscritto l’abbonamento. Neanche in Serie B c’era tanto pubblico pagante. Il rischio qual è se a cominciare da oggi non si garantiscono con certezza le risorse che servono per arrivare alla fine del campionato avendo come obiettivo quello di salvarsi. E’ quello di ritrovarsi con problemi che potrebbero mettere definitivamente il coperchio sull’Avellino dopo che le anche contorte vicende estive sembravano aver comunque lasciato pensare che i guai fossero alle spalle e che non si chiudeva bottega. Sidigas, evidentemente con il parere favorevole dei commissari del tribunale fallimentare, ha deciso di mantenere questo ramo d’azienda avendo le risorse per tenerlo in vita e non c’è alcuna fretta e necessità di cedere o vendere ad altri. Se questo è, si liberino queste risorse. Se il rubinetto una volta si apre e un’altra si chiude, e se questo dovesse avvenire a campionato inoltrato, l’Avellino non solo continuerà ad incassare sberle anche preventivate ma sarà condannato ad una lunga agonia sulla strada della inevitabile retrocessione. Le chance invece per mantenere la categoria ci sono. Non sono molte, ma ci sono. Serve però sapere che per portare a termine il campionato occorrono dai 3 ai 4 milioni, e potrebbero non bastare, almeno per tentare di tenere vive quelle chances. Salvare la Serie C e salvare, come è stato detto, l’Avellino dalla cancellazione significa fare i conti con queste risorse. Avendo autorizzato Sidigas a mantenere l’Us Avellino, deve anche voler significare consentire a Sidigas di mantenerla in esercizio. Se così non fosse, significa che qualche passaggio è sfuggito a più d’uno.