UIL SANITA’: «LA SICUREZZA DERIVA DALL’ORGANIZZAZIONE. ORA NON C’È»

UIL SANITA’: «LA SICUREZZA DERIVA DALL’ORGANIZZAZIONE. ORA NON C’È»

26 Agosto 2021 0 Di La redazione

Gaetano Venezia, segretario della Uil Funzione pubblica, rilancia la richiesta di confronto sui piani aziendali dopo le aggressioni al Pronto Soccorso e le dichiarazioni del Governatore in merito all’ospedale “Landolfi” che la regione non avrebbe soppresso

De Luca sbotta e spiega perchè, a suo dire, il Pronto Soccorso di Solofra non è stato soppresso. In attesa dell’istituzione del punto di primo intervento segue un coro di reazioni alle dichiarazioni. Ecco quelle del segretario provinciale della Uil Funzione Pubblica Gaetano Venezia: «Penso che il ragionamento di De LUca potrebbe essere giusto se non avesse ridimensionato il Pronto soccorso di Ariano Irpino ed organizzato quello di Sant’Angelo dei Lombardi, così come previsto nel piano sanitario ospedaliero regionale. Non si capisce perché non c’è ancora uno straccio di documento organizzativo del punto di primo intervento all’ospedale di Solofra». Dopo le aggressioni avvenute al Pronto Soccorso di Avellino di infermieri e medici del 118, Venezia analizza: «Per quanto riguarda la sicurezza degli operatori sanitari del pronto soccorso del Moscati, tempo addietro come  UIL abbiamo chiesto una postazione della Polizia di stato così come avviene nei grossi ospedali. Le guardie giurate non hanno la tutela giuridica per intervenire e non rivestono il ruolo di forza tesa a garantire l’ordine pubblico. Infine, non c’è traccia da parte dell’Asl di Avellino della organizzazione della sanità territoriale e dei distretti sanitari che dovrebbero evitare l’inutile ricorso al pronto soccorso», conclude Venezia.