TUTTO PRONTO PER LA XX^ EDIZIONE DELLA “JUTA A MONTEVERGINE”: DOMENICA CONFERENZA STAMPA

TUTTO PRONTO PER LA XX^ EDIZIONE DELLA “JUTA A MONTEVERGINE”: DOMENICA CONFERENZA STAMPA

31 Agosto 2018 0 Di La redazione

“Quest’anno celebriamo la 20° edizione della JUTA A MONTEVERGINE – Dentro l’umanità (già incluso tra i Grandi Eventi della Regione Campania) con un grande traguardo raggiunto: essere stati finanziati tra i progetti per la realizzazione di eventi di rilevanza nazione ed internazionale (LINEA STRATEGICA 2.4 “RIGENERAZIONE URBANA, POLITICHE PER IL TURISMO E CULTURA” LINEA 1: “EVENTI DI RILEVANZA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE” PROPOSTI DA COMUNI NON CAPOLUOGO IN FORMA SINGOLA”. Scrive l’assessore al Turismo del Comune di Ospedaletto d’Alpinolo, Nadine Sirignano.  “L’evento è sempre di più proiettato ad avere una connotazione nazionale grazie alla grande reputazione acquisita nel tempo, consolidando e candidando il nostro territorio in una prospettiva di ampio respiro. La crescita di questa meravigliosa tradizione ci ha spinti a pensare in grande ed a allargare gli orizzonti “spaziali” del nostro Comune fino a Montevergine, per rendere grazie a Mamma Schiavona con un elogio solenne e doveroso. Il primo grande evento sarà il  9 settembre alle ore 19:00 nel chiostro del Santuario di Montevergine: un concerto all’aperto “Io so’ devota a te” di Fiorenza Calogero con Marcello Colasurdo, Carlo Faiello e Biagio De Prisco. Per l’occasione, sarà messa a disposizione una navetta gratuita da piazza E. De Filippo dalle ore 17:00. L’11 e il 12 settembre il grande evento: la Juta… canti e balli sul tamburo – musica sacra – arte e circhi di strada – botteghe di artigianato locale e la tanto attesa e “sacra” sfilata dei carri e cavalli! “La Festa è quella e non può cambiare”.  

Tutti i dettagli e non solo saranno illustrati nella conferenza stampa che si svolgerà all’aperto domenica 2 settembre  in piazza Demanio ad Ospedaletto d’Alpinolo alle ore 18:30. “Raccontando in piazza il programma, proiettando un inedito documentario sulla Juta e assaggiando un po’ dell’atmosfera con la paranza r’o Lione”.