Home / Ariano Irpino / STURNO.TENTATA RAPINA AL BANCOMAT: 5 ANNI DI RECLUSIONE PER IL COMPONENTE DELLA BANDA ARRESTATO IERI

STURNO.TENTATA RAPINA AL BANCOMAT: 5 ANNI DI RECLUSIONE PER IL COMPONENTE DELLA BANDA ARRESTATO IERI

Rapina bancomat Sturno.Per l’arrestato è stata disposta la misura cautelare della custodia in carcere e pertanto, dopo Le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.

L’automobile utitlizzata dai malviventi dopo la tentata rapina al bancomat di Sturno

Rapina bancomat Sturno. Quattro anni e otto mesi di reclusione: è la condanna emessa con giudizio direttissimo dal Tribunale di Avellino in composizione collegiale per il 49enne di Orta Nova (FG) arrestato ieri a Sturno dai Carabinieri di Frigento per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale, detenzione illegale di ordigni micidiali, ricettazione, possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso nonché tentato furto.
Per l’arrestato è stata disposta la misura cautelare della custodia in carcere e pertanto, dopo Le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.

RIPERCORRIAMO LA CRONACA

La banda, molto probabilmente la stessa che venerdì notte ha messo a segno il colpo al bancomat di Savignano Irpino con il medoto della marmotta, aveve puntato un’altra cassa automatica, sempre di una filiale della BCC di Flumeri, ma a Sturno. I carabinieri però non si sono fatti trovare impreparati ed in seguito ad un’accurata attività d’indagine svolta in particolare dagli uomini della Stazione di Frigento e del Nucleo Operativo di Mirabella Eclano hanno individuato l’autovettura con a bordo i tre uomini pronti a mettere a segno il nuovo assalto.

I tre, vista la Gazzella si sono dati alla fuga ma sono finiti con l’auto in un fondo agricolo tra depositi e fienili e uno dei carabinieri di Frigento con grande coraggio si è lanciato giù dalla scarpata ed è riuscito a bloccare il conducente del veicolo, tra l’altro ferito, mentre gli altri due occupanti sono riusciti a scappare nelle campagne circostanti facendo perdere le loro tracce. Nell’auto sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro oggetti da scasso nonché una “marmotta” (ossia una paletta carica di esplosivo da infilare nella fenditura del bancomat), pronta all’uso. È stato necessario anche l’intervento dei Carabinieri Artificieri Antisabotaggio del Nucleo di Napoli per rendere inoffensivo l’ordigno esplosivo.

Circa Monica De Benedetto

Monica De Benedetto

Vedi Anche

PD, LISTE DI GUGLIELMO:FINITO IL TEMPO DEL PARTITO LITIGIOSO, AVANTI CON CREDIBILITA’ E SERIETA’

Nota dei componenti delle liste a supporto del segretario provinciale Giuseppe Di Guglielmo. Riceviamo e ...

TRAFFICO GROTTAMINARDA: SI CAMBIA DI NUOVO CAUSA LAVORI. AUTOMOBILISTI DISORIENTATI.

Ripresi i lavori per la riqualificazione dell’invaso spaziale a Grottaminarda. Interessato uno degli incroci nevralgici ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *