STRAGE BUS. DOPO LA SENTENZA DI PRIMO GRADO LA PROCURA DI AVELLINO RICORRE IN APPELLO

STRAGE BUS. DOPO LA SENTENZA DI PRIMO GRADO LA PROCURA DI AVELLINO RICORRE IN APPELLO

24 Maggio 2019 0 Di Anna Guerriero

La Procura di Avellino ricorre in Appello nel processo per la strage del bus. Dopo la sentenza di primo grado, il procuratore di Avellino Cantelmo e il sostituto Annecchini, hanno deciso di ricorrere nei confronti di tutti gli imputati, ma non per Vittorio Saulino funzionario della Motorizzazione assolto in primo grado. Ricordiamo che il giudice, lo scorso 11 gennaio, ha assolto l’Ad Autostrade per l’Italia Giovanni Castellucci e i dirigenti Riccardo Mollo, Giulio Massimo Fornaci, Antonio Sorrentino, Michele Maietta e Marco Perna. Per il titolare dell’azienda che gestiva il bus Lametta, il giudice ha stabilito una pena di 12 anni. Gli altri condannati sono Antonietta Ceriola, dipendente della motorizzazione civile di Napoli, i dirigenti di Autostrade, De Franceschi e Spadavecchia  Berti e Marrone, rispettivamente direttore di tronco di Autostrade e dipendente della concessionaria, e altri due dipendenti di Autostrade Renzi e Gerardi.