STOP A FESTE IN PIAZZA, SI POTRA’ BERE SOLO ACQUA IN STRADA: L’ORDINANZA DI DE LUCA

STOP A FESTE IN PIAZZA, SI POTRA’ BERE SOLO ACQUA IN STRADA: L’ORDINANZA DI DE LUCA

15 Dicembre 2021 0 Di Leonardo D'Avenia

L’ordinanza anti-Covid della Regione Campania guidata da Vincenzo De Luca contro il rischio di assembramento nei giorni di Natale e Capodanno è durissima.

Vietato consumare praticamente tutto in strada: non solo gli alcolici, perfino un caffè o una Coca Cola. Unica bevanda consentita è l’acqua. Confermato il divieto di feste di piazza per la notte di San Silvestro in tutti i comuni della Campania. Resta consentito il consumo ai tavoli all’aperto.

 

L’ordinanza numero 27 del 15 dicembre 2021​

Fatta salva l’adozione di ulteriori provvedimenti in conseguenza dell’evoluzione della situazione epidemiologica, fermo restando l’obbligo di rispetto delle disposizioni nazionali vigenti, su tutto il territorio regionale.

a decorrere dal 23 dicembre 2021 e fino al 1 gennaio 2022

per l’intero arco della giornata è fatto divieto di consumo di cibo e bevande, alcoliche e non alcoliche, con esclusione dell’acqua, nelle aree pubbliche, ivi compresi gli spazi antistanti gli esercizi commerciali, le piazze, le ville e i parchi comunali.

Resta consentito il consumo ai tavoli all’aperto, nel rispetto del distanziamento previsto;

nei luoghi pubblici all’aperto è fatto divieto di svolgimento di eventi, feste o altre manifestazioni che possano dar luogo a fenomeni di assembramento o affollamento;

è confermato l’obbligo di indossare dispositivi di protezione individuale (stiamo parlando delle mascherine ndr.), anche all’aperto, in ogni luogo non isolato (ad esempio centri urbani, piazze, lungomari nelle ore e situazioni di affollamento, code, file, mercati, fiere, contesti di trasporto pubblico all’aperto);

nei giorni 23, 24, 25, 31 dicembre 2021 e 1 gennaio 2022

dalle ore 11 e fino alle ore 5 del giorno successivo, ai bar e agli altri esercizi di ristorazione è fatto divieto di vendita con asporto di bevande, alcoliche e non alcoliche, con esclusione dell’acqua.

È fatta raccomandazione ai Comuni ai fini dell’adozione, laddove necessario, di provvedimenti di chiusura temporanea di specifiche aree pubbliche o aperte al pubblico in cui sia impossibile assicurare adeguatamente il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale ai sensi delle disposizioni vigenti.

È fatta raccomandazione ai Comuni e alle altre Autorità competenti di intensificare la vigilanza e i controlli sul rispetto delle disposizioni vigenti, in particolare nelle zone della cosiddetta “movida”.

Ricapitolando: dall’antivigilia di Natale a Capodanno è divieto di consumo delle bevande (tranne acqua). Nei giorni 23, 24, 25, 31 dicembre 2021 e 1 gennaio 2022 è divieto di vendita con asporto di bevande tranne l’acqua. I Comuni potranno decidere ulteriori restrizioni (si sa che il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi sta preparando una ordinanza ad hoc) e, infine, per tutta la regione sono vietate feste di piazza dal 23 al 1. Parliamo di «luoghi pubblici all’aperto» quindi di libero accesso.

 

Tuttavia, viste le norme molto rigide è possibile che di qui a breve vengano annullati anche concerti in strutture pubbliche ma con biglietto e a numero limitato.