Home / Attualità / STIR E INQUINAMENTO, PROVINCIA E SINDACI SU POSIZIONI DISTANTI

STIR E INQUINAMENTO, PROVINCIA E SINDACI SU POSIZIONI DISTANTI

Nonostante l’emergenza neve si è svolto questa mattina a Palazzo Caracciolo l’incontro fortemente voluto dal Presidente Domenico Gambacorta per discutere, con i sindaci della Valle del Sabato, del futuro dello Stir di Pianodardine. Oltre all’ente Provincia e alla società provinciale dei rifiuti Irpimiambiente – rappresentata dal manager Boccalone –  erano presenti il sindaco di Montefredane Tropeano, Tenneriello di Prata Principato Ultra, Tirone di Manocalzati, il vicesindaco di Atripalda nonché consigliere provinciale Tuccia, l’assessore delegato di Pratola serra Capone e l’assessore all’ambiente del Comune di Avellino Penna. Assente per l’impossibilità a raggiungere Avellino causa neve il presidente dell’Asi Vincenzo Sirignano.  Gambacorta ha ribadito ai primi cittadini la posizione dell’ente in merito e cioè che: “Non c’è inquinamento derivante dallo Stir come evidenziato dalle varie conferenze dei servizi. Non ci sono progetti di ampliamento, ma modifiche alle attività. Dal 2011 ad oggi la quota di rifiuti indiferrenziati si è ridotta da 102 mila a 63 mila tonnellate”. I sindaci, dal canto loro, hanno evidenziato la contrarietà a progetti di potenziamento per il trattamento di rifiuti umidi a Pianodardine con un sostanziale no ad altri rifiuti. Le parti si sono aggiornate a data da destinarsi. Lunedì , intanto, i primi cittadini si ritroveranno a Montefredane per stendere un documento attraverso il quale manifestare ufficialmente la loro posizione sul tema Stir-Inquinamento.

 

La nota stampa dell’Amministrazione di Pratola Serra

L’Amministrazione Comunale di Pratola Serra, così come confermato durante la riunione di questa mattina a Palazzo Caracciolo, si dichiara contraria alla volontà, da parte della Regione Campania, di autorizzare la realizzazione di un impianto di trattamento della frazione organica dei rifiuti nella Valle del Sabato, all’interno dell’ex CDR di Pianodardine.

Il Sindaco di Pratola Serra, Antonio Aufiero, commenta così:“Invece di interferire ancor di più su una zona molto provata dal punto di vista della salubrità dell’aria, dobbiamo unire le forze per un risanamento ambientale più volte preteso in diversi incontri e con protocolli d’intesa. Non è tollerabile che si decida senza tener conto del parere dei Sindaci della zona, tutori della salute dei Cittadini e impegnati da anni a minimizzare l’impatto ambientale nocivo, in una zona già contaminata. Le analisi condotte fino ad oggi non sono di certo confortanti e i risultati ottenuti evidenziano un’incidenza significativa di tumori nell’intera area.

Basta martoriare ulteriormente un territorio che già scongiura un disastro ambientale!

Ricordo che a breve prenderà il via anche il grande bio-monitoraggio dello SPES (Studio di Esposizione nella Popolazione Suscettibile), monitoraggio mirato alla ricerca della correlazione tra inquinamento ambientale e salute umana per i Comuni della Valle del Sabato.

A tal proposito, il Comune di Pratola Serra è stato individuato quale posizione strategica mettendo, altresì, a disposizione i locali del Centro Medico-Socio-Psicologico comunale e della Guardia Medica per visite e prelievi ematici, supportando in maniera convinta il suddetto studio.

 

Circa La redazione

La redazione

Vedi Anche

TEME UN ATTENTATO E PUNTA IL COLTELLO CONTRO GLI INFERMIERI IN AMBULANZA, CADE L’ACCUSA DI SEQUESTRO

I fatti risalgono al settembre dello scorso anno quando un 40enne, in regime di detenzione ...

MARZANO, TRAFUGATI DUE COMPUTER DA UNA SCUOLA. INDAGINI DEI CARABINIERI

Questa notte è stato perpetrato un furto presso un istituto scolastico di Marzano di Nola. ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *