STALKING…PARLAMENTARE!

STALKING…PARLAMENTARE!

28 Febbraio 2019 1 Di Norberto Vitale

Il parlamentare del M5s, Generoso Maraia, ha messo nel mirino la radioterapia in funzione presso la clinica “Villa Maria” di Mirabella Eclano.

Dal punto di vista tecnologico è la più moderna e avanzata struttura presente in Campania, lavora a pieno ritmo, lo fa totalmente in maniera gratuita in attesa dell’accreditamento regionale che sta compiendo tutti i passaggi di rito. Maraia prima ha chiesto la revoca dell’autorizzazione con motivazioni, secondo la clinica, del tutto infondate. Il parlamentare non è nuovo ad arzigogolare. Lo ha già fatto sulla Radioterapia dell’ospedale di Ariano; prima ancora ha denunciato che l’ex discarica di Difesa Grande produce veleni che inquinano i prodotti agricoli e fanno ammalare le persone (ma si è guardato bene dal correre in Procura); divenne un esperto progettista quando si trattò di mettere in luce presunte incongruità della Napoli-Bari e del tracciato della Lioni-Grottaminarda: le sue osservazioni si sono rivelate puntualmente infondate senza che neanche qualcuno si scomodasse per dimostraglielo.

Ha mandato i Nas a “Villa Maria”, che hanno concluso l’ispezione con un verbale che attesta la assoluta regolarità, poi ha messo in moto una nuova diffida, sostenendo che l’unità di radioterapia deve essere limitrofa ad altre strutture analoghe per garantire continuità di trattamento ai pazienti. Osservazione fantasiosa: la struttura di Mirabella fa parte di un network di centri, con cui è collegata, che si trovano in Italia, in Europa e perfino negli Stati Uniti. La clinica si sente a ragione perseguitata, tanto da chiamare in causa la Lega Tumori, Cittadinanza Attiva, il Tribunale per i diritti del Malato e per chiedere al parlamentare di accettare un pubblico confronto sulle strampalate tesi che utilizza con il chiaro intento di far chiudere la struttura. Anche in questo caso, è la prima volta che qualcuno chiede aiuto ad altri per difendersi da chi dovrebbe essere difeso. Il ragionamento sembra questo: non ci siamo riusciti con l’Alta Capacità; ci siamo parzialmente riusciti con la Lioni-Grottaminarda. Vediamo se possiamo portare a casa un risultato pieno facendo chiudere la radioterapia, peraltro gratuita, in una clinica privata. Complimenti!