SITUAZIONI DI CRITICITÀ AL “CRISCUOLI”: IL SINDACO SCRIVE AL MINISTRO SPERANZA

SITUAZIONI DI CRITICITÀ AL “CRISCUOLI”: IL SINDACO SCRIVE AL MINISTRO SPERANZA

16 Marzo 2021 0 Di Leonardo D'Avenia

Il sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi scrive una lettera al Ministro della Salute Roberto Speranza, al Commissario Straordinario per l’Emergenza Covid-19 Francesco Paolo Figliuolo, al Presidente della Giunta Regionale Campania Vincenzo De Luca, al Sottosegretario di Stato all’Interno Carlo Sibilia, e per conoscenza al Direttore Generale ASL Avellino Maria Morgante, per porre ancora una volta l’accento sulla situazione dell’ospedale Criscuoli:

“Egregi Signori,

mi rivolgo alle SS.LL., ciascuno per il proprio ambito di competenza, per illustrare e portare alla Vostra cortese attenzione la situazione di criticità che ad oggi registro presso il presidio ospedaliero di Sant’Angelo dei Lombardi, con specifico riferimento ai reparti di terapia intensiva e cardiologia.

Riguardo al reparto di terapia intensiva, il cui avviamento è stato reso possibile attraverso un finanziamento regionale oltre che da raccolte fondi presso il privato, ad oggi lo stesso risulta effettivamente completato ma non ancora funzionante a causa della perdurante mancanza di personale medico ed infermieristico. L’attivazione di tale reparto e la sua piena entrata a regime assumono carattere di massima urgenza anche alla luce della grave pressione che l’attuale emergenza sanitaria sta esercitando sulle strutture ospedaliere già funzionanti nel territorio di riferimento.

Per quanto concerne invece il reparto di cardiologia, pur compiacendomi dell’avvenuto espletamento del concorso finalizzato al reclutamento di figure mediche specialistiche (cardiologi) e della loro assunzione in servizio, ad oggi deve purtroppo constatare lo stato di totale carenza di personale infermieristico necessario a rendere attivo e funzionante il reparto medesimo.

Nell’auspicio di un immediato e pronto interessamento alle sopra segnalate problematiche, resto in attesa delle iniziative che le SS.LL. vorranno intraprendere al riguardo.”