SILVESTRI, SI ATTENDE LA RISPOSTA DI CAIATA. IL PUNTO SULLE TRATTATIVE DEI LUPI

SILVESTRI, SI ATTENDE LA RISPOSTA DI CAIATA. IL PUNTO SULLE TRATTATIVE DEI LUPI

25 Settembre 2020 0 Di Pellegrino Marciano

Mancano dieci giorni alla chiusura del calciomercato e l’Avellino, sempre in attesa di poter tesserare Nikolic, Rizzo e D’Angelo, sulla carta dovrebbe completare l’organico con 3 calciatori. Un esterno sinistro, una seconda punta e un difensore centrale al posto dell’infortunato Laezza. A tal proposito è ormai noto il forte interesse per il difensore del Potenza Luigi Silvestri, classe 1993, palermitano. Accordo di massima già trovato con l’Avellino, ma in queste ore l’ostacolo è rappresentato dalla lunga riflessione del presidente Caiata. Sul tavolo del numero uno dei lucani è arrivata anche un’offerta del Catania. Il giocatore preferirebbe l’Avellino, proprio per le sue origini palermitane, ma il pallino della trattativa è appunto in mano a Caiata che nelle prossime ore dovrà sciogliere le riserve.

CAPITOLO TERZINO

Sempre in difesa, i biancoverdi cercano un terzino sinistro. Piace Pinto del Catania, e questo pare essere in cima alla lista di Di Somma. L’esterno però è in trattativa per il rinnovo con gli etnei e gli ultimi giorni di mercato potrebbero sbloccare la situazione in un senso o nell’altro. Se dovesse andare via dalla Sicilia, Giovanni Pinto vestirebbe quasi certamente il biancoverde. In attesa di una risposta c’è sempre Fabio Tito. Diverse offerte per lui che però vorrebbe solamente l’Avellino. Di Somma riflette e deciderà nelle prossime ore se ingaggiare l’ex Vibonese.

IPOTESI NON TRAMONTATA A CENTROCAMPO

A centrocampo non si è abbandonata mai del tutto la pista Domenico Mungo, che tanto piace a mister Braglia. Entrato al 70’ nella sfida di coppa contro il Piacenza, potrebbero aprirsi spiragli per un eventuale trasferimento negli ultimi giorni di calciomercato. La distanza però, al momento, è notevole. Ultimi giorni che saranno decisivi anche per la seconda punta, sulla quale l’Avellino può aspettare un po’ di più e fiutare l’affare last minute.