SICUREZZA, SIBILIA (M5S): “NEL 2020 NUOVI COMMISSARIATI E COMPAGNIE IN CALABRIA, CAMPANIA, LAZIO, LOMBARDIA, PUGLIA E SICILIA”

SICUREZZA, SIBILIA (M5S): “NEL 2020 NUOVI COMMISSARIATI E COMPAGNIE IN CALABRIA, CAMPANIA, LAZIO, LOMBARDIA, PUGLIA E SICILIA”

19 Dicembre 2019 0 Di La redazione

“E’ stata avviata in questi giorni la rimodulazione dei presidi delle quattordici Città metropolitane e di altre specifiche aree. In questo modo potenzieremo la presenza delle strutture di Polizia di Stato e dei Carabinieri sul territorio: un intervento a costo zero che permette alle Forze dell’Ordine di essere più efficienti sul territorio, assicurando una presenza capillare e un controllo più efficace. Verranno istituiti nuovi Commissariati di Polizia a Bari Sud e Putignano in Puglia, a Castelverde, Portuense e Ladispoli nel Lazio, a Pellaro e Arghillà in Calabria ed a Casal di Principe in provincia di Caserta, mentre saranno potenziati i servizi di front office per il rilascio di licenze amministrative, passaporti ed altre attività legate al rapporto sicurezza – cittadino. Per questo, a Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria e Catania, saranno realizzati altrettanti “Centri polifunzionali della Polizia di Stato”: lo Stato risponde così alle crescenti richieste di maggiore sicurezza dei cittadini.

Nuove compagnie dei carabinieri saranno istituite a Solofra e Cassano allo Ionio. A Rossano-Corigliano, in provincia di Cosenza, sorgerà un Reparto Territoriale dei Carabinieri: più uomini, più funzioni, più sicurezza, una risposta alle esigenze di maggiori servizi legate alla fusione dei due comuni – aggiunge il sottosegretario.

L’ottimizzazione delle strutture delle forze dell’ordine – che tiene conto dei mutamenti sociali e geo-criminali – sarà sperimentata in una prima fase nelle province di Bergamo, Brescia, Caserta, Catanzaro, Padova, Salerno, Venezia. Certi dei positivi risultati che otterremo, contiamo di estendere la riorganizzazione all’intero territorio nazionale. In definitiva, avremo più sicurezza là dove c’è più bisogno, a testimonianza della rinnovata attenzione dello Stato per le aree più sensibili dal punto di vista della sicurezza” – conclude Sibilia.