SI E’ SPENTO PAOLO ROSSI. L’ITALIA PIANGE IL GRANDE “PABLITO”

SI E’ SPENTO PAOLO ROSSI. L’ITALIA PIANGE IL GRANDE “PABLITO”

10 Dicembre 2020 0 Di Pellegrino Marciano

L’Italia piange Paolo Rossi. L’ex attaccante si è spento nella notte all’età di 64 anni per un male incurabile. Non ce l’ha fatta Pablito a vincere la partita più importante, lui che in campo ha fatto sognare i suoi tifosi, sia con le maglie dei club, sia, soprattutto, con quella della Nazionale. L’eroe dei Mondiali del 1982 lascia in eredità una carriera importantissima. Il titolo mondiale con gli Azzurri, che gli valse il Pallone d’oro dopo i 6 gol (capocannoniere) realizzati. Un palmares di grandissimo valore per Paolo Rossi, attaccante rapace d’area, infallibile cecchino sottoporta. Perugia, Juventus, Como, Vicenza, Milan e Verona le maglie vestite. 216 partite ed 82 gol in Serie A. 98 i gol totali messi a segno in carriera con le squadre di club, 20 invece con la maglia della Nazionale tra competizioni ufficiali ed amichevoli. Altri due volte re dei bomber, nella Coppa dei Campioni 1982/83 e nel campionato italiano del 1977/78. Persona per bene, che negli ultimi anni aveva ricoperto molto spesso il ruolo di opinionista in diverse trasmissioni sportive.

Ovviamente lo stadio Partenio ha ospitato le gesta di Paolo Rossi, che all’Avellino ha fatto male in sette occasioni. 13 i match disputati contro i lupi. Tre reti con il Vicenza, due con il Perugia, una con la Juventus ed una con il Verona. Il ricordo di Pablito resterà per sempre nel cuore degli italiani.