Home / Ariano Irpino / SGOMBERO AD ARIANO:”UN ATTO VERGOGNOSO” SECONDO ARIANO IN MOVIMENTO.

SGOMBERO AD ARIANO:”UN ATTO VERGOGNOSO” SECONDO ARIANO IN MOVIMENTO.

Ariano in Movimento interviene, attraverso un comunicato stampa, sullo sgombero effettuato dal Comune in località Viggiano:

 Vergognoso. Così definiamo lo sgombero del 30 Agosto nei confronti di Bartolomeo Garofalo dall’alloggio popolare di Via Viggiano.  Approfittando dell’assenza di alcune ore dell’uomo dall’appartamento, il Comune ne ha preso possesso sostituendo la serratura e gli ha intimato di non accedervi. Mai è stato eseguito ad Ariano Irpino un atto del genere. Questo primo ed unico atto di sgombero il Comune non lo esegue nei confronti degli occupanti abusivi proprietari di altre case o di quegli abusivi che utilizzano un alloggio popolare come casa vacanza, ma lo esegue nei confronti di chi ha una condizione lavorativa precarissima e 3 figlie minori a carico. Un elemento di gravità è che mediante lo sgombero il sig. Garofalo è stato di fatto privato di tutti i suoi effetti personali, che si trovano attualmente in quella casa in cui lui ha abitato per molti anni e a cui gli viene vietato l’accesso. Da sottolineare che da parte del Comune non è stata offerta alcuna soluzione abitativa alternativa, né è stata  offerta adeguata assistenza psicologica. Il Comune deve promuovere e non ostacolare il soddisfacimento dei bisogni minimi dell’esistenza dignitosa di  ognuno. Rendendo pubblico questo fatto vergognoso esprimiamo solidarietà al sig. Garofalo. Egli è vittima della  sbagliata gestione degli alloggi popolari ad opera degli amministratori di Ariano, i quali non si sono mai opposti così energicamente alle occupazioni abusive, probabilmente per motivi di consenso elettorale“.
Sin qui l’intervento di “Ariano in Movimento”. Per dovere di cronaca bisogna precisare che la ex compagna dell’uomo ha appena ricevuto in assegnazione un alloggio nel Nuovo Quartiere Martiri dove già abita con i minori e che l’alloggio sgomberato spetta di diritto ad un’altra famiglia bisognosa, regolarmente inserita nella graduatoria provinciale.

 

Circa Monica De Benedetto

Monica De Benedetto

Vedi Anche

SERVIZI SOCIALI AVELLINO: IL PUGNO DI FERRO DELLE ISTITUZIONI, LA MANO TESA DEI PIÙ POVERI

Con un blitz la polizia municipale ha rimosso il giaciglio di un senzatetto all’ingresso del ...

“ORA ET POCO LABORA”, IL DRAMMA DELLE DIPENDENTI LICENZIATE DALLE SUORE

L’appello disperato delle ex dipendenti presso la casa delle figlie della carità a Lauro: “siamo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *