SERIE B: RINVIATA TERNANA-PISA

SERIE B: RINVIATA TERNANA-PISA

26 Agosto 2016 0 Di Leonardo D'Avenia

SERIE BAndrea Abodi, presidente della Lega di Serie B, ha elencato le motivazioni per cui è stata rinviata la sfida tra Ternana e Pisa: “Abbiamo atteso fino all’ultimo – spiega – la definizione di un quadro che permettesse di risolvere la situazione, che da alcuni giorni non sta permettendo alla squadra di allenarsi e preparare l’esordio in campionato. Portando addirittura i giocatori l’altro ieri a produrre una diffida alla Società, incentrata sulla violazione dei basilari doveri contrattuali inseriti nell’Accordo Collettivo. Purtroppo le notizie negative giunte in mattinata ci hanno convinto, nostro malgrado, ad assumere una decisione difficile, che riteniamo però opportuna e motivata in relazione al contesto creatosi”.

“Aldilá dei legittimi diritti e doveri delle società – aggiunge il Presidente – la lega deve tutelare anche altri aspetti fondamentali, quali la salvaguardia dell’immagine del campionato ed il rispetto verso i tifosi e gli appassionati. Nonché il lavoro e l’operato delle forze dell’ordine, degli arbitri, dei media e tutti gli altri soggetti coinvolti nell’organizzazione di un evento sportivo professionistico, quale é una gara ufficiale del nostro Campionato. Muovere migliaia di persone e decine di professionisti per un evento che con ogni probabilità domani sera non si sarebbe svolto, non aveva senso. Tra l’altro, molti dei soggetti preposti alla sicurezza e al pronto intervento della gara sono destinati in questi giorni ad altre priorità sociali di quel territorio. Mobilitarli per una partita che non si sarebbe giocata, va contro il buonsenso. Tutto questo avrebbe causato quindi conseguenze ben maggiori di un rinvio”.

“Mi sono confrontato più volte – conclude Abodi – con il Presidente Tavecchio e con Damiano Tommasi, nonché con i consiglieri della LNPB, che hanno tutti avallato la decisione, ritenendola congrua rispetto alla straordinarietà della situazione creatasi. La speranza é evidentemente quella che la stessa possa rientrare nel giro di pochi giorni per poter garantire la regolarità del calendario, a partire dalla seconda giornata”.