SCUDOCROCIATO E NOME DC SPETTANO A ROTONDI. ORA TOCCA AL MARKETING

20 ottobre 2017 0 Di Vincenzo Di Micco

«Mi è arrivata una notifica degli atti giudiziari che mi comunica una sentenza di vittoria in appello sul diritto all’uso del nome e del simbolo». Il simbolo è quello dello Scudocrociato, il nome va da sè è Democrazia Cristiana, la causa, invece, è quella intentata anni addietro da Gianfranco Rotondi che ne rivendicava la titolarità. Il tentativo non è di rifare la Dc semmai di riattualizzarne il mesasgio. E già si valuta l’utilizzo alle prossime politiche. Ne hanno discusso ad Arcore Berlusconi, Rotondi e Cesa. Il leader di Rivoluzione Cristiana non ha nulla in contrario all’utilizz. Dell’operazione quarta gamba del centrodestra  fa parte anche Clemente Mastella. “Il ritorno della Dc – ha spiega Rotondi all’Huffington Post – ha senso soltanto a due condizioni: la prima è che sia aperta a tutti quelli che in questi anni hanno rivendicato l’appartenenza alla Dc senza alcuna esclusione o pretesa di primazia, la seconda è che la lista non sia formata da vecchie glorie ma da giovani e donne. Così si risponde davvero alla richiesta di impegno dei cattolici che è stata fatta da Papa Francesco”. In queste ore il simbolo viene valutato attraverso sondaggi di marketing, poi si vedrà.