SCONTRO IN COMMISSIONE BILANCIO. LA MAGGIORANZA PUNTA IL DITO

SCONTRO IN COMMISSIONE BILANCIO. LA MAGGIORANZA PUNTA IL DITO

12 Novembre 2020 0 Di La redazione

Difficoltà di connessione impediscono a un componente di votare in tempo. Col voto pari vengono di fatto bocciate le variazioni. Giordano alla maggioranza: “Questi sono i problemi dello streaming, noi vogliamo le riunioni in presenza”. I consiglieri di maggioranza ricostruiscono l’accaduto e attaccano attraverso una nota stampa: “mezzucci”

A margine della riunione di Commissione i membri a rappresentanza della maggioranza, Giovanni Cucciniello, Teresa Cucciniello e Mario Spiniello (presente in sostituzione del collega del gruppo “Davvero” Luigi Preziosi), chiariscono lo svolgimento dei lavori. “Ancora una volta – si legge in una nota congiunta – abbiamo dovuto subire l’atteggiamento del Presidente (Nicola Giordano, ndr) che, più che comportarsi da tale a garanzia di tutte le parti presenti, utilizza mezzucci stucchevoli per sviare la discussione e l’esito dei lavori. Il regolamento non può essere applicato a proprio piacimento, e tra l’altro nel corso della riunione i problemi di connessione sono stati riscontri anche per il consigliere Amalio Santoro. Noi educatamente e con grande rispetto abbiamo aspettato, mentre per Teresa Cucciniello non è stato fatto lo stesso, impedendole di votare. Un ostruzionismo ancora più grave, dal momento che all’ordine del giorno si parlava di una variazione di bilancio necessaria anche per impegnare fondi legati a questa grave emergenza del covid. Ed invece Giordano, come sottolineato durante la riunione anche dall’assessore Cuzzola, puntualmente si mette a parlare di urbanistica, ma soprattutto del lavoro del consigliere Teresa Cucciniello ad IrpiniAmbiente. Noi capiamo il piglio investigativo di un consigliere di opposizione, ma i canoni di correttezza non possono essere negativi. Basti pensare che problemi analoghi si registrano solo nelle due Commissioni presidente della minoranza, oltre a questa bilancio, nella trasparenza guidata da Ettore Iacovacci. E mentre ci criticano per le variazioni in bilancio, come in caso dei soldi per l’edilizia popolare che nel triennio presentano un delta di più 54mila euro, fanno spendere fondi per i gettoni di presenza proprio nelle Commissioni, con una previsione di circa 10mila euro. Un argomento sul quale siamo pronti a presentare in un ordine del giorno nelle Commissioni congiunte bilancio e trasparenza, per fare chiarezza sui reali sprechi. Tornando alla riunione di questa mattina, vogliamo ricordare come non è nemmeno la prima volta che il Presidente Giordano utilizzi questi mezzucci per impedire che la Commissione sia messa nella condizione di votare. Così non si garantisce la rappresentanza e un confronto oggettivo”.