LUCIANO, IL SENZATETTO SCOMPARSO NEL NULLA È STATO RINVENUTO CADAVERE

LUCIANO, IL SENZATETTO SCOMPARSO NEL NULLA È STATO RINVENUTO CADAVERE

26 Gennaio 2022 0 Di La redazione

Avellino. Il corpo privo di vita di Luciano Romagnuolo, 56 anni, è stato rivenuto all’alba di questa mattina in Rampa Santa Maria delle grazie. Di lui si erano perse le tracce da oltre dieci giorni.

Il senzatetto avrebbe trovato riparo nel cantiere di un edificio in  costruzione e, per cause in corso di accertamento, sarebbe stata fatale una caduta dai piani alti.

Sul posto carabinieri, soccorritori del 118 e vigili del fuoco per il recupero della salma e in attesa del magistrato di turno.

In passato l’uomo, originario di Altavilla, con un trascorso da panettiere e una vita difficile alle spalle, aveva cercato già riparo in quel posto.

Nei mesi scorsi, inoltre, attenzionato dai servizi di assistenza aveva fatto la spola tra la mensa dei poveri della caritas diocesana, l’ospedale “Moscati” dove per giorni ha dormito nel Pronto soccorso , gli uffici di servizi sociali e dell’Asl.

Incoraggiato da alcuni amici anni addietro aveva trascorso un periodo in una comunità di recupero.

Avrebbe voluto fare il panettiere Luciano e avere una casa piccolina in cui  vivere . La sua è stata  un’esistenza caratterizzata da difficoltà, il reinserimento sociale dopo problemi personali è fallito, purtroppo, nonostante la sua vicenda fosse nota e  monitorata.
Restano turbamenti e interrogativi sull’incapacità collettiva di accoglierlo, curarlo  e sostenerlo in una rete pubblica di protezione ed assitenza.

Le indagini, avviate per la sua ricerca, potrebbero ora proseguire per appurare le circostanze del decesso e ricostruire gli ultimi istanti di vita.
Con ogni probabilità verrà disposta l’autopsia sul corpo dell’uomo.


 

https://fb.watch/aMMB-t6JuM/