SANITÀ: DE LUCA “IN ITALIA MINISTERO DELLA SALUTE È IL NULLA ASSOLUTO”

SANITÀ: DE LUCA “IN ITALIA MINISTERO DELLA SALUTE È IL NULLA ASSOLUTO”

7 Luglio 2022 0 Di La redazione

“Voi date per presupposto che in Italia esista un Ministero della Salute. Nego l’esistenza. Siamo di fronte al nulla assoluto, non lo dico perché in fisica il nulla assoluto non c’è, ci dicono che perfino negli spazi interstellari qualche atomo di idrogeno si trova. Mi limito a dire che fra il Ministero della Salute e la realtà concreta vi è lo stesso rapporto che c’è fra una cartomante e l’astrofisica”. Lo ha detto il Presidente della Campania Vincenzo De Luca nel corso del suo intervento al “Laboratorio Sanità 20/30” alla Città della Scienza a Napoli.

“A fine giugno, quando scadevano i contratti a tempo determinato per medici e infermieri delle Usca, cioè l’unico presidio rimasto sui territori, il Ministero della Salute era in ferie, neanche una parola – rincara la dose il governatore -. Avessimo contato sul Ministero oggi avremmo smantellato l’unico presidio di medicina territoriale che abbiamo. Come Regioni abbiamo fatto proroghe caricando i bilanci regionali per evitare di smantellare l’unico presidio che oggi abbiamo, per seguire i pazienti, per fare il contact tracing. E’ una cosa sconvolgente” chiude De Luca.

Al governatore replica il Questore della Camera, Edmondo Cirielli, di Fratelli d’Italia: “In merito agli attacchi del
governatore campano nei confronti del ministro Speranza – dice Cirielli – concordo con De Luca sull’inesistenza del Ministero della Salute in Italia: se ci fosse stato da tempo, avrebbe commissariato la Sanità in Campania”.

“Sinceramente – aggiunge – trovo davvero surreale che il presidente De Luca, piuttosto che dare spiegazioni sul fallimento della sua disastrosa gestione della Sanità campana – che versa in uno stato vergognoso, incapace di reagire adeguatamente alla crescita esponenziale dei casi di covid sull’intero territorio, bloccando di fatto le analisi e la diagnostica per i cittadini, smantellando i Lea e portando al collasso l’intero sistema ospedaliero e dell’emergenza – continui imperterrito, ma senza riuscirci, a tentare di scaricare le sue colpe sugli altri, come in questo caso con il ministro della Sanità.

“L’ipocrisia politica dovrebbe avere un limite. D’altronde De Luca può contare sulla fedeltà politica dei parlamentari campani del Pd per cui, se realmente fosse sincero, dovrebbe chiedere loro di presentare una mozione di sfiducia individuale contro il ministro Speranza. Fratelli d’Italia sarebbe la prima forza politica a sostenere un’iniziativa in tal senso”, conclude Cirielli.