Home / News / SALVARE IL SALVABILE, “CENTO GIORNI” PER FOTI. LA CARTOLINA DI NORBERTO VITALE

SALVARE IL SALVABILE, “CENTO GIORNI” PER FOTI. LA CARTOLINA DI NORBERTO VITALE

CARTOLINA

Cento giorni. La scansione temporale sulla quale Paolo Foti punta per rendere meno pericolante un sindacato che pericolante resta, non porta gran che bene. Per stare agli esempi della storia, si sono prevalentemente rivelati illusori per i protagonisti che pensavano di utilizzarli per volgere a loro favore il corso delle vicende: fanno testo quelli euforici che accompagnarono Napoleone Bonaparte a riconquistare Parigi dopo l’esilio nell’isola d’Elba, ma poi l’Europa lo cancellò per sempre a Waterloo e quelli terribilmente italiani trascorsi a Palermo da Carlo Alberto Dalla Chiesa. Tre mesi e dieci giorni: detti così, i “cento giorni” ridiscendono alle più normali quote della cronaca ed esimono il sindaco alla ricerca di numeri e sostegni adeguati dall’indossare sia i panni dell’eroe tragico che quelli della vittima sacrificale. Come egli stesso ha lasciato intendere nella relazione letta in consiglio comunale, archiviando esplicitamente nello sgabuzzino delle occasioni perse gran parte del programma con cui tre anni fa si era presentato agli avellinesi, intende spenderli, se gli verrà concesso, per mettere in una qualche sicurezza la città e consentire a chi verrà di non ripartire da sottozero: “Siamo ad un punto di svolta -questo il passaggio chiave- perché finalmente è divenuta concreta la possibilità di chiudere una pesante eredità e di programmare sul serio il futuro”. Per arrivarci a questo punto di svolta, sotto i ponti sono passati frotte di assessori, faide incrociate tra via Tagliamento e gruppo consiliare del Pd, dirigenti e parlamentari che all’autorevolezza hanno preferito l’utilità marginale, ci ha messo del suo anche una opposizione la cui rigidità è diventata asfittica e ripetitiva ben che la crisi aprisse scenari politici che sarebbe stato doveroso verificare. La svolta dunque e tre mesi a disposizione. Non è molto ma può essere un tempo sufficiente se Foti, come sembra, intende liberarsi di lacci e catene a cui in questi anni si è anche spontaneamente consegnato. In una parola, può riuscirci se comincerà a fare il sindaco come tre anni fa aveva promesso agli avellinesi.

Messaggi – Contatti – Calendario – Opzioni – PEC webmail – Logout

Copyright © 2016 – Aruba S.p.A. – tutti i diritti riservati

Circa Michela Attanasio

Michela Attanasio

Vedi Anche

MARCIANI: “DENUNCIARE VIOLENZE E’ UN ATTO DI CORAGGIO”. LA REGIONE PREMIA LE SCUOLE

“Denunciare è un atto di coraggio che deve venire dalle donne”. Lo ha detto Chiara ...

STOP VIOLENZE. DE LUCA AI GIOVANI: “METTERE ALL’ANGOLO GLI IMBECILLI”

Il Governatore versione pedagogo dà lezione agli studenti sul tema della violenza. Un discorso molto ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *