SALTA IL CONGRESSO PD. ERMINI RESTA COMMISSARIO POLITICO

SALTA IL CONGRESSO PD. ERMINI RESTA COMMISSARIO POLITICO

8 Gennaio 2018 0 Di La redazione

Hanno provato a presentare le liste con tanto di firme, candidati e programmi,  Franco Iovino per l’area Santaniello e Gaetano Bevere per l’area De Caro. Si sono sentiti rispondere dal Presidente della commissione provinciale per il Congresso, Carlo Cortesi, che la documentazione non era ricevibile: comunicazioni ufficiali da Roma, infatti, nel frattempo hanno sancito il rinvio del congresso a dopo le Politiche del 4 marzo.

In attesa del documento a firma del responsabile nazionale dell’organizzazione Pd, Andrea Rossi, le indiscrezioni sono così diventate ufficialità: nel Pd irpino tutto rinviato, per l’ennesima volta, come da due anni a questa parte;  a quanto si apprende la decisione è maturata sia sulla base dell’indicazione fornita dalla Segreteria regionale, sia sulla scorta di un parere fornito in prima persona da  Ermini. Alle 14 di oggi sarebbero scaduti i termini per la presentazione dei candidati, anche l’area De Luca, ignara, ha provato a depositare, invano ormai, la candidatura di Michelangelo Ciarcia. A seguire costantemente le evoluzioni anche i riferimenti dameliani Gambardella e Lanni.

Quali ripercussioni in seguito all’ennesimo rinvio del congresso Pd (?) è ora l’interrogativo principe.

Ermini ha contribuito allo slittamento nonostante si fosse dichiarato fiducioso sullo svolgimento e indifferente alle pressioni. Indifferente non lo è stato in realtà, il Commissario non avrebbe gradito le operazioni “sottobanco” architettate da più parti.

La sua conferma nel ruolo di segretario politico diventa decisiva nelle future scelte per le candidature e nell’organizzazione del partito: non sono da escludersi commissariamenti e ulteriori nomine per le sezioni di Avellino capoluogo e per alcuni comuni chiave delle prossime amministrative o sezioni del contestato tesseramento.

Ma a questo punto, anche sulle candidature, il commissario – che fino ad oggi ha provato a tenersi lontano dai posizionamenti e dalle correnti – potrebbe dire la sua con possibili sorprese sia rispetto alla rosa dei nomi indicata in Direzione regionale (D’Amelio, De Luca, Paris e Famiglietti a cui aggiungere anche De Caro) che nelle future scelte per il candidato sindaco di Avellino.

In buona sostanza il Pd non è riuscito ad andare oltre se stesso e la litigiosità per la poltrona che lo contraddistingue.

E questa è romai cosa nota anche alle pietre di Roma. Trovare candidati Pd credibili, in questo contesto, sarà ancora più complicato per un gruppo che, oggi, volente o nolente, ha scritto l’ennesima barzelletta: pronta a far ridere i non dem e a far infuriare i militanti.

In mattinata alcuni segretari hanno manifestato l’intenzione di occupare, seppure simbolicamente, la sede di via Tagliamento chiedendo al commissario Ermini un confronto su possibili candidature di base, non riferibili a capicorrenti. A farsi portavoce del messaggio la segretaria del circolo di Flumeri, Marisa Di Cicilia.

 

Di seguito il documento inviato

 

Caro David,
dopo la decisione del 19 dicembre 2017 di celebrare il congresso straordinario
provinciale di Avellino entro il mese di gennaio 2018, a seguito delle tue valutazioni sulla situazione locale interna al partito e della lettera pervenuta dalla segreteria regionale,non sussistono le condizioni politiche locali auspicate e indispensabili per la celebrazione del congresso. Inoltre in sede locale la conflittualità interna risulta ad oggi non superata nonostante il tuo sforzo.
Per tali motivi, il congresso provinciale straordinario di Avellino dovrà essere celebrato dopo le elezioni politiche del 4 marzo 2018, proprio per non ostacolare l’importante fase di campagna elettorale che si aprirà nelle prossime settimane.
Naturalmente, fino ad allora, continuerai a svolgere le funzioni di commissario politico, come da atto di commissariamento del 12 ottobre 2017.
Nel ringraziarti per l’impegno profuso finora e nell’augurarti buon lavoro, ti saluto cordialmente.

 

Il Responsabile Nazionale dell’Organizzazione
Andrea Rossi