SABATINO NON BASTA: IL NOLA BATTE IN RIMONTA IL SAN TOMMASO

SABATINO NON BASTA: IL NOLA BATTE IN RIMONTA IL SAN TOMMASO

15 Dicembre 2019 0 Di Leonardo D'Avenia

Il San Tommaso torna nuovamente a calcare il manto erboso del “De Cicco” di Pratola Serra per affrontare il Nola. Liquidato, ex della sfida, schiera i suoi affidandosi a Branicki in attacco con Sabatino in appoggio. Dopo 8′ minuti è proprio il numero 9 dei grifoni a trovare la rete. Il classe 2000 è bravo a raccogliere una spizzata di Branicki controllare dal limite dell’area e trafiggere Anatrella con un preciso fendente. Gioia grande per Sabatino che corre a prendersi l’abbraccio della tribuna, in particolar modo con il presidente Cucciniello. Funziona l’asse Sabatino-Branicki, anche al quarto d’ora con l’ariete polacco che non inquadra però lo specchio della porta. Si lotta su ogni pallone, la partita è molto fisica. Anche al 21′ quando Madonna estrirpa un pallone a centrocampo lo scambia con Sabatino, ma ancora una volta la conclusione lascia a desiderare. Il Nola si pericoloso qualche minuto con un il numero 9 Maggio che prova la prodezza ma la sfera si spegne sul fondo. Al 25′ il San Tommaso trova il raddoppio con Branicki, ma non viene convalidato per fuorigioco. I biancoverdi spingono alla ricerca del raddoppio. Anche la conclusione di Alleruzzo è però imprecisa. Alla mezz’ora esatta brutto scontro di gioco con Gargiulo che ha la peggio. Medicato in campo, probabilmente dopo aver perso i sensi esce in barella. Dopo tre minuti di interruzione il gioco riprende con il Nola a provarci. Per gli ospiti è ancora Maggio il più pericoloso, ma per fortuna del San Tommaso la conclusione è ancora una volta fuori misura. Branicki continua il momento poco felice sotto porta. La prova è il tiro con cui si conclude il primo tempo. Nella ripresa è sempre il San Tommaso a spingere di più. Anche se l’occasione più ghiotta è per il Nola: Marrella mette in mezzo per Maggio che però conclude debolmente di testa. I padroni di casa rispondono con un bolide da calcio di punizione di Colarusso disinnescato dall’estremo difensore ospite. La gara stenta a decollare ma il Nola pare crederci di più e viene premiato. Al quarto d’ora del secondo tempo sugli sviluppi di un corner è Maggio ad insaccare trovando una conclusione che tra una selva di gambe regala il pareggio ai suoi. Cinque minuti dopo clamoroso errore di Mannone che nel tentativo di spazzare colpisce un suo compagno con la sfera che arriva a Di Caterino: tiro secco ed un incredibile palo a salvare il San Tommaso. I biancoverdi sembrano in bambola ed infatti subiscono anche il sorpasso. Landi ha i miracoli dopo una serie di conclusioni ravvicinate, ma non può niente sull’ultima ribattuta di Raimondi. Il Nola completa la sua rimonta con la rete del suo difensore centrale. Finisce così con la delusione della squadra di casa per aver sprecato una buona occasione per riprendersi.