ROGHI TOSSICI. A GIUGLIANO (NA) A FUOCO 200 METRI DI RIFIUTI (VIDEO). IERI IL SINDACO AI NOSTRI MICROFONI

ROGHI TOSSICI. A GIUGLIANO (NA) A FUOCO 200 METRI DI RIFIUTI (VIDEO). IERI IL SINDACO AI NOSTRI MICROFONI

28 Agosto 2019 0 Di La redazione

I carabinieri della stazione di Varcaturo, con la collaborazione del nucleo elicotteristi di Pontecagnano, hanno denunciato per combustione illecita di rifiuti un 54enne pregiudicato ed un 25enne incensurato, entrambi di Casal di Principe. In un fondo agricolo di Giugliano avevano disposto e poi dato alle fiamme due filari di rifiuti della lunghezza di circa 100 metri ciascuno. A bruciare quintali di tubi di plastica utilizzati per gli impianti di irrigazione e residui di potatura del raccolto di ortaggi.Ad allertare i carabinieri un’enorme colonna di fumi scuri e maleodoranti. Domate le fiamme, i militari hanno sequestrato l’intera area così da evitare che fosse nuovamente coltivata.

Ieri in Regione, il sindaco Antonio Pozziello, aveva espresso soddisfazione al termine della Conferenza dei servizi che ha individuato un piano antiemergenza con quote di ecoballe ripartite su tutto il territorio campano in vista dello stop al termovalorizzatore di Acerra.  L’intervista

L’INCESSANTE AZIONE DI CONTRASTO DELL’ARMA CHE AVEVA PORTATO IL 15 AGOSTO A 32 DENUNCE. IL VIDEO 

15-agosto – Un’indagine dei carabinieri della Compagnia di Giugliano, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord e volta a contrastare l’abbandono di rifiuti e l’incendio di cumuli di immondizia, ha portato a 32 denunce.
In sorvolo con l’elicottero dell’Elinucleo Carabinieri di Pontecagnano, i militari hanno controllato dall’alto l’agro giuglianese e individuato 20 terreni su cui erano accatastati rifiuti di ogni genere (pneumatici, elettrodomestici, materiali di risulta di opifici meccanici, elettrici, edili e calzaturieri) in gran parte persino bruciati.
In uno dei terreni, è stato accertato durante il sorvolo, c’era addirittura un incendio in corso: si trattava di parti di serra dati alle fiamme che stavano ardendo su un campo coltivato a ortaggi.
I titolari dei terreni, 32 in totale, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per sversamento o combustione illecita di rifiuti.