RISSA POST DERBY, PRESENTATO IL CONTO: 3 GIORNATE A MIGLIORINI, SOLO UNA A MINALA

RISSA POST DERBY, PRESENTATO IL CONTO: 3 GIORNATE A MIGLIORINI, SOLO UNA A MINALA

17 Ottobre 2017 0 Di Leonardo D'Avenia

Dopo la sconfitta in campo e le provocazioni di Minala al termine di Avellino-Salernitana è scoppiata una rissa, culminata con le espulsioni di Migliorini e Lezzerini per l’Avellino e lo stesso Minala per i granata. Il giudice sportivo ha quindi deciso di squalificare Marco Migliorini per tre giornate “per avere, si legge nel comunicato, al termine dell’incontro assunto un atteggiamento aggressivo nei confronti di un calciatore della squadra avversaria posizionandosi alle sue spalle e cingendogli, per un paio di secondi, il collo con un braccio”; una sola giornata di squalifica (e 5.000 euro di ammenda)  invece per Joseph Minala “per avere, al termine della gara, dirigendosi verso la curva occupata dalla tifoseria della squadra avversaria, assunto un comportamento gravemente provocatorio, reiterando tale atteggiamento anche verso i sostenitori presenti nella tribuna centrale”; niente da dire sulle tre giornate al difensore biancoverde, ma lascia al quanto perplessi come per il giudice sportivo un comportamento gravemente provocatorio è sanzionabile con una sola giornata di squalifica. Insomma oltre al danno la beffa, anche perché è stata comminata una giornata di squalifica anche per Luca Lezzerini ” per avere, al termine della gara, rivolto un’espressione insultante ad un calciatore della squadra avversaria. Niente prova televisiva per nessuno come si era paventato, ed è quindi l’Avellino a pagare il conto più alto. Le due società sono state inoltre sanzionate, 3.000 euro l’Avellino per il lancio di alcune bottigliette in campo da parte dei propri sostenitori e 5.000 euro per la Salernitana per aver i propri lanciato sul terreno di gioco un fumogeno, tre bengala e cinque bottigliette; come si legge nel comunicato, nel quale non c’è traccia dei cancelli aperti a fine partita e dell’invasione di campo di qualche sostenitore. Insomma sono passati due giorni dal derby e il giudice sportivo con le sue decisioni non ha alleviato la rabbia anzi.