CLAMOROSO, IL TAR RIAPRE ASILI, PRIME E SECONDE CLASSI AD AVELLINO

CLAMOROSO, IL TAR RIAPRE ASILI, PRIME E SECONDE CLASSI AD AVELLINO

10 Dicembre 2020 0 Di Michelangelo Freda

Accolto il ricorso di 8 genitori di alunni che frequentano diversi istituti del capoluogo. Il Comune non avrebbe richiamato dati Asl sull’emergenza epidemiologica per motivare l’ultima decisione restrittiva rispetto all’ordinanza regionale. Al Comune la scelta: ricorrere, modificare l’ordinanza o riaprire 

Colpo di scena ad Avellino. Le scuole materne, le prime e seconde elementari, devono riaprire. Lo stabilisce un decreto del TAR Salerno che ha sospeso l’ordinanza emanata l’8 dicembre dal Sindaco Gianluca Festa che stabiliva la sospensione in presenza delle attività didattiche.

Il Tribunale amministrativo regionale ha accolto il ricorso presentato dall’avvocato Gian Paolo La Sala legale rappresentante dei genitori di alunni frequentanti diversi istituti – sia elementari che asili, pubblici e privati – di Avellino.

Il presidente del TAR, Leonardo Pasanisi, nel verdetto ha stabilito che non possa esserci sospensione dell’attività in presenza senza alcuna evidenza sanitaria e che non basta il richiamo ad un situazione di «peculiare criticità». A queste condizioni, secondo il Tribunale, non appare giustificata neppure l’applicazione del principio di precauzione.

I ricorrenti dovranno entro cinque giorni notificare all’ente la decisione del Tribunale che, intanto, sospende con effetti immediati l’ordinanza.

Il Comune di Avellino, una volta ricevuta la documentazione, ha tre possibilità:  predisporre la riapertura secondo propri tempi ed esigenze, emanare una nuova ordinanza di sospensione in cui si richiamino le vlautazioni Asl, ricorrere alla Camera di Consiglio del Tar.