FCA PRATOLA SERRA, AUFIERO: «RICONVERSIONE IMPORTANTISSIMA»

FCA PRATOLA SERRA, AUFIERO: «RICONVERSIONE IMPORTANTISSIMA»

20 Agosto 2020 1 Di La redazione

«Stop alla cassa integrazione: garantiti i contratti dei lavoratori», l’analisi del candidato di Forza Italia.
«La FCA di Pratola Serra è pronta a dare il proprio contributo per la produzione di mascherine chirurgiche, in sintonia con le iniziative messe in campo per conto del Governo dal Commissario Straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri». A dichiararlo è il candidato di Forza Italia in corsa alle Regionali 2020, Tonino Aufiero. Nell’impianto sito in Pratola Serra, infatti, sono iniziate le lavorazioni per la produzione della nuova attività. Insieme a quello torinese di Mirafiori, il sito irpino sarà interessato nella fabbricazione di oltre 1 milione di mascherine al giorno. «Sono state allestite 19 linee su un’area di circa 9.000 metri quadrati – spiega Aufiero – Verranno impiegati 500 lavoratori e il dato fondamentale, e importantissimo, è che i contratti delle unità impiegate rimarranno immutati. I presidi sanitari che saranno prodotti non solo contribuiranno in misura concreta a contrastare l’emergenza sanitaria in corso, ma rappresentano una soluzione strategica anche per i lavoratori dell’impianto stesso. Grazie ad un consistente incremento delle ore lavorative, infatti, si eviterà la cassa integrazione e saranno mitigati gli effetti delle decurtazioni salariali, dovute al ricorso agli ammortizzatori sociali». Come ha chiaramente spiegato Pietro Gorlier, responsabile Emea di FCA, non si tratta di una riconversione permanente, ma di un contributo industriale alle esigenze nazionali di contenimento del virus. «E’ una soluzione preziosa per lo stabilimento irpino – precisa Aufiero – Comprendo però le preoccupazioni dei lavoratori e dei sindacati rispetto alle prospettive future. A tal proposito ci tengo a dare delle rassicurazioni: entro la primavera del 2021 è previsto, secondo quanto prevede anche il Piano Italia, l’avvio della produzione dei motori diesel del Fiat Ducato, un modello in forte crescita che potrà sfruttare al meglio le richieste per veicoli commerciali leggeri in arrivo nel prossimo futuro. Infine, per lo stabilimento è in programma anche l’aggiornamento degli attuali motori diesel di FCA che registreranno un adeguamento alle nuove normative in tema di emissioni. Come ho sempre fatto negli ultimi 13 anni, prima da sindaco e ora da presidente del consiglio di Pratola Serra – conclude Tonino Aufiero – il mio impegno è e sarà costante e concreto affinché il sito produttivo della FCA continui ad essere una risorsa importante per tutta l’Irpinia».