RIAMMISSIONE DELL’US AVELLINO. CON LA RICHIESTA DI MAXI RISARCIMENTO LA FIGC PUO’ VALUTARE L’IPOTESI SERIE C?

RIAMMISSIONE DELL’US AVELLINO. CON LA RICHIESTA DI MAXI RISARCIMENTO LA FIGC PUO’ VALUTARE L’IPOTESI SERIE C?

4 Set 2018 0 Di La redazione

Non solo l’istanza di autotutela per la riammissione in serie B inviata alla Figc, l’Us Avellino ha già predisposto l’iter per chiedere eventualmente un’azione risarcitoria che si aggirerebbe intorno ai 30milioni di euro. E’ questa la cifra stimata dalla società irpina per la mancata licenza ai campionati professionistici. E del resto dopo il primo verdetto del Tar, di fatto l’Us Avellino ha perso tutto il patrimonio calciatori con lo svincolo d’ufficio che ha liberato l’intera rosa che era stata messa a disposizione di mister Marcolini. I legali dell’Avellino capitanati dall’amministrativista Lorenzo Lentini e dal principe del foro sportivo Eduardo Chiacchio hanno individuato la strategia da portare avanti dopo quel comunicato emesso dalla Figc il 30 agosto che ha permesso alle società non in regola con le fideiussioni di avere quasi un mese a disposizione per porre rimedio e in alternativa di avere una pena decisamente inferiore rispetto a quella comminata all’Avellino con l’esclusione dai campionati. Si lavora sulla disparità di trattamento, ed è per questo che è stata avanzata l’ipotesi di un’azione risarcitoria che potrebbe davvero creare un precedente da non sottovalutare.