REGIONALI: MORTARUOLO(PD): “NECESSARIO MODIFICARE LA LEGGE ELETTORALE”

REGIONALI: MORTARUOLO(PD): “NECESSARIO MODIFICARE LA LEGGE ELETTORALE”

24 Ottobre 2019 0 Di La redazione

“C’è un tema che mi sta particolarmente a cuore e sul quale sono già da tempo al lavoro: è la battaglia per la rappresentanza e la rappresentatività delle aree interne. A cominciare dal Consiglio regionale della Campania dove, ad oggi, sono l’unico rappresentante del Sannio”. Così in una nota il consigliere regionale e vicepresidente della commissione Agricoltura della Campania, Erasmo Mortaruolo, indirizzata a tutti i sindaci e gli amministratori.

“Il criterio demografico – fa notare Mortaruolo – non può essere la stella polare per ciò che concerne la legge elettorale regionale altrimenti andremo col tempo a non avere una rappresentanza della nostra provincia. E quindi fondamentale un impegno corale di tutta la classe dirigente sannita: dai deputati e senatori ai sindaci per una battaglia di civiltà, di equità e di giustizia! La legge elettorale vigente, che prevede la ripartizione dei seggi semplicemente in base alla dimensione demografica, costringerà in prospettiva il Sannio a non avere rappresentanti nel corso dei prossimi anni”.

“Già abbiamo visto – prosegue -, nell’ultima tornata elettorale, una riduzione da tre a due rappresentanti. E non è escluso che si arrivi a una rappresentanza unica. E quindi molto probabile che con l’attuale sistema elettorale il Sannio, se non apportiamo con urgenza qualche correttivo significativo, si caratterizzerà come un’aria di amplissima estensione che non avrà un’adeguata rappresentanza politica”.

“Pertanto – conclude Mortaruolo – chiedo a tutti per quanto di propria parte politica di dar forza e impulso a una modifica normativa in tal senso in modo da poter approvare questa modifica in tempi brevi attraverso anche la calendarizzazione ad horas all’interno dei capigruppo di una modifica normativa che preveda un minimo di 3 seggi da attribuire a ogni singola provincia. Convocherò a breve un incontro sulla questione”.