PROVINCIALI, LA POSTA IN PALIO È TUTTA POLITICA.LE SORPRESE NON MANCHERANNO

PROVINCIALI, LA POSTA IN PALIO È TUTTA POLITICA.LE SORPRESE NON MANCHERANNO

27 Novembre 2016 0 Di La redazione

Domenica di voto per sindaci e consiglieri comunali. Il rinnovo del Consiglio Provinciale ha mobilitato da questa mattina un folto numero di amministratori. Si registrano code ai seggi dei piccoli comuni , mentre nella fascia di quelli superiori ai 10mila abitanti hanno già espresso la propria preferenza, tra gli altri, i non candidati, Foti (Avellino), Bianchino (Montoro), Spagnuolo (Atripalda), Biancardi (Avella). Al voto , intorno alle 11 , si è recato il sindaco di Nusco Ciriaco De Mita, ha preferito attendere invece il pomeriggio il Presidente Gambacorta , già sindaco di Ariano. Un’elezione molto sentita dai partiti , poco dai cittadini, anche perché di programmi nemmeno l’ombra sarà pure per via del referendum che incombe . Il risultato delle urne, infatti, determinerà gli assetti in vista di ben più importanti sfide su tutte il congresso del Pd. Nel capoluogo , almeno sulla carta, in pole position per uno scranno e per un’impronta sulla futura candidatura a sindaco Enza Ambrosone e Gianluca Festa il quale dovrebbe pescare voti in provincia per tenere botta. Rumors e previsioni indicano l’elezione di 4 o 5 consiglieri Pd a seconda del contesto che in queste ore assume in particolareun nome e un cognome, Michele Di Maio, sindaco di Calitri , che per la lista Irpinia bene comune potrebbe essere l’ago contesa: con il suo ingresso a Palazzo Caracciolo i resti da ripartire verrebbero meno; naturalmente le sorprese sono dietro l’angolo ed altri candidati ‘nascosti’ ma accreditati potrebbero spuntare a sorpresa. Lo scrutinio del voto comincerà domattina alle 8. A Piazza Libertà, intanto , è un via vai di amministratori, strategie e ipotesi di futuri scenari. Il voto voluto da Gambacorta per riaffermare la necessità della Provincia (a sostegno del no) potrebbe essere sconfessato dal referendum (con la vittoria del si), comunque vada la riforma dell’ente , per costituzione o legge ordinaria , dovrebbe garantire al prossimo consiglio di restare in carica almeno un paio di anni. In servizio ai seggi anche gli agenti della polizia provinciale, circa 10 unità che insieme al resto del personale, attendono di conoscere il proprio destino. Tornando al dato politico, Forza Italia va alla conta interna lungo l’asse Sibilia – Gambacorta, Avellino Popolare di Foglia , presente ai seggi , cerca di costruire una gamba di un polo moderato con elezione di un rappresentate, nella lista Udc con tanti sindaci in prima linea qualcuno dovrà inevitabilmente fare buon viso a cattivo gioco ; come spesso accade , tuttavia, anche in queste elezioni si attiveranno meccanismi di paracadute con cambi ai vertici di enti in luogo dell’appoggio ricevuto, qualcosa insomma cambierà nelle comunità montane tanto per citare un esempio. Scelta Civica fa dei candidati sindaci Picone e Sarno i catalizzatori di voti del gruppo che cerca verifiche e riconferme rispetto all’ultima elezione. Da non escludere nella contesa accordi traversali tra partiti , appoggi ‘fuori lista’ che determineranno candidature alle prossime comunali o addirittura parlamentari. Ipotesi, anche queste, che domani alla lettura degli esiti le voto potranno trovare o meno riscontro.
Inviato da iPad