PRONTO SOCCORSO DI SANT’ANGELO: 82ENNE COVID POSITIVA TRASFERITA DOPO OLTRE 24 ORE

PRONTO SOCCORSO DI SANT’ANGELO: 82ENNE COVID POSITIVA TRASFERITA DOPO OLTRE 24 ORE

17 Ottobre 2020 0 Di La redazione

Storia di ordinaria disorganizzazione in tempi Covid in attesa di un sistema sanitario integrato

Malcapitata protagonista della vicenda è una 82enne che da venerdì, 16 ottobre, è stata assistita da medici e personale sanitario del Pronto Soccorso dell’ospedale “Criscuoli”. L’anziana è arrivata in ospedale con sintomi da ipertensione, in pre-triage le è stata misurata la temperatura e, al riscontro della febbre, immediati sono stati eseguiti test diagnostici per escludere la presenza del Covid.

Nel giro di 24 ore, invece, due tamponi hanno restituito la positività al virus. A Sant’Angelo non essendoci reparti dedicati, né dovendo fortunatamente la signora ricorrere a cure intensive d’urgenza, è rimasta in stand by in attesa di trasferimento: appoggiata nella sala dedicata degli ambienti interni del Pronto Soccorso, è stata tenuta sotto costante osservazione da personale che si è dato il cambio su 4 turni.

La tensione nei corridoi non è mancata. Sia ad Ariano che ad Avellino non vi erano posti letto disponibili. Proprio a Sant’Angelo stamattina i sindaci hanno lamentato la lentezze e le carenze della sanità rispetto alle urgenze. A far indignare, in particolare, la mancata attivazione di posti di terapia intensiva, che si spera non debbano mai servire, per la carenza di personale, in particolare di anestesisti, che rifiutano di trasferirsi nelle aree interne. La donna malcapitata, stavolta invece, da quella sala angusta di un pronto soccorso delle aree interne avrebbe dovuto trovare spazio immediato altrove- ma la sinergia Asl-Moscati si è fatta desiderare.

Nonostante tutte le precauzioni del caso adottate, diversi pazienti che avevano pensato di far ricorso alle cure del punto d’emergenza, appresa della presenza della donna positiva, di loro spontanea volontà hanno preferito fare dietrofront.

Il caso rientra in questi minuti – intorno alle 22.00 del 17 ottobre – dopo più di 24 ore si sta attivando il trasferimento dell’anziana al Covid Hospital di Avellino.

Il caso rientra in questi minuti – intorno alle 22.00 del 17 ottobre – dopo più di 24 ore si sta attivando il trasferimento dell’anziana al Covid Hospital di Avellino.

VEDI PURE

ASL. MORGANTE AMMETTE: «POSTI LETTO DA RICONVERTIRE E CARENZA DI ANESTESISTI»

 

SINDACI FURIOSI: DONATI 70 MILA EURO ALL’OSPEDALE MA TERAPIA INTENSIVA CHIUSA

 

COVID. POSTI LETTO PER L’EMERGENZA NEGLI OSPEDALI REPARTI IN BILICO E A SOLOFRA SALE LA TENSIONE