carlo sibilia avellino

POST SCRIPTUM. DUE “PAZZI” IN UN SOLO GIORNO

10 agosto 2018 1 Di La redazione

Il Post di oggi dovrebbe essere dedicato al bromuro, alla sedazione terapeutica arrivando magari anche alla camicia di forza, tenendo conto della lista di proscrizione annunciata dal sindaco Ciampi.

Dovremmo risparmiarcelo soprattutto per seguire il decorso della malattia e nella speranza che si attesti, come canta Battiato, su quote almeno più normali.

Ma come si fa a non tener conto del sottosegretario Carlo Sibilia, che anche oggi in tarda mattinata ha fatto irruzione sulla scena. Più o meno ripetendo le cose dette da Ciampi e, al solito, aggiungendo il suo personale tocco di classe. Parla di strade riaperte, parchi puliti per concludere, rivolto ai 27 consiglieri comunali dell’opposizione, dimettetevi se avete il coraggio e torniamo a votare! Strade riaperte? La Bonatti? Cosa c’entrano Ciampi e Sibilia? Parchi puliti? Puliti perché Ciampi e Sibilia si fanno fotografare con la ramazza? I parchi sarebbero davvero puliti, e ne hanno avuto il tempo, se avessero organizzato una squadra manutenzione di cui non c’è traccia. Ma Sibilia, sottosegretario di volta in volta manettaro, solerte, elegiaco, nella sua dichiarazione ha anche fatto riferimento alle vicende calcistiche. Ha scritto testualmente: “Non si potranno più fare babà con il fallimento dell’Avellino”. L’espressione utilizzata dà la cifra del personaggio. Non è come si potrebbe pensare di uso comune, è una espressione da trivio che utilizzano prevalentemente maschi ubriachi. Tremo ancora di più pensando che questo signore la mattina entra al Viminale e gli fanno pure il saluto.

La notizia dalla quale siamo partiti, quella del sindaco impazzito, raddoppia. I pazzi, con l’onorevole Sibilia, passano a due.