POMERIGGIO DI ORDINARIA FOLLIA AL MOSCATI: AGGRESSIONI AGLI OPERATORI. NE DISCUTERÀ IL COLLEGIO DI DIREZIONE

POMERIGGIO DI ORDINARIA FOLLIA AL MOSCATI: AGGRESSIONI AGLI OPERATORI. NE DISCUTERÀ IL COLLEGIO DI DIREZIONE

30 Giugno 2019 0 Di admin

Aggressioni contro gli operatori del Pronto Soccorso: la problematica sarà affrontata dal  Collegio di Direzione.

 La Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino attraverso una nota esprime solidarietà nei confronti degli operatori del Pronto Soccorso, vittime, nel pomeriggio di ieri, di minacce e aggressioni da parte di due pazienti, entrambi  in evidente stato di ebbrezza.

Nel manifestare profondo rammarico per quanto accaduto – si legge – la Direzione Generale ringrazia  il personale presente, gli agenti di vigilanza e le forze dell’ordine immediatamente allertate per il tempestivo intervento che ha impedito di arrecare lesioni fisiche ai medici e agli infermieri di turno. La Direzione dichiara la propria vicinanza agli operatori sanitari che, nello svolgimento della delicata attività di tutela della salute e in un periodo come quello estivo già  di per sé particolarmente difficile, devono addirittura temere per la propria incolumità e assicura che si farà carico di individuare possibili contromisure da adottare per arginare un fenomeno ormai sistemico e diffuso a livello nazionale e per garantire la sicurezza del personale.

La problematica sarà oggetto di attenzione e discussione già domani, giorno in cui si riunirà un Collegio di Direzione monotematico, convocato nei giorni scorsi proprio per affrontare le criticità dell’emergenza e del Pronto Soccorso e per valutare anche alcune proposte avanzate dai rappresentanti sindacali e dagli stessi operatori”.

Sin qui il comunicato dell’Azienda Ospedaliera, ma facciamo un passo indietro. Ecco come ricostruisce l’accaduto l’Associazione di promozione sociale “Nessuno tocchi Ippocrate”:

Nel turno di ieri ( 29/06/19) “il pronto soccorso del San Giuseppe Moscati di Avellino si è trasformato in un pomeriggio da incubo per gli operatori sanitari e i dirigenti medici dell’unità operativa in questione. Nel primo pomeriggio è arrivato in pronto soccorso un ragazzo con una ferita da trauma al meato uretrale con conseguente emorragia, il paziente è stato prontamente visitato ed ha eseguito una consulenza urologica. Il paziente in questione era sotto l’effetto di alcool e droghe ed era in evidente stato di agitazione psicomotoria. Contemporaneamente si presentava in PS alle ore 17, accompagnato dal 118 e dai carabinieri poiché agli arresti domiciliari, un paziente in codice giallo per dolore toracico. Quest’ultimo era sotto l’effetto di alcool ed era anch’egli agitato, inveiva contro il personale infermieristico e contro le guardie di vigilanza a causa della troppa attesa. I carabinieri lo lasciavano in PS, verso le ore 18 il paziente con dolore toracico veniva visitato dal medico di pronto soccorso. Durante la visita quest’ultimo veniva provocato dall’altro paziente, il ragazzo con il trauma uretrale in agitazione psicomotoria. Grazie all’intervento degli infermieri in turno si è evitata una rissa tra i due pazienti che hanno però cominciato ad inveire contro il personale infermieristico che ha avuto la sola colpa di dividerli per evitare una rissa, il paziente con dolore toracico minacciava di morte gli infermieri intervenuti per sedere gli animi. Dopo alcuni minuti intervenivano le forze di polizia x riportare la calma, il paziente agli arresti domiciliari con dolore toracico veniva dimesso contro parere medico. Alle ore 19,50 il ragazzo in stato di agitazione con trauma al meato uretrale, iniziava a inveire con offese, ingiurie e minacce nei confronti del medico e degli infermieri poiché urinava sangue e secondo lui gli operatori sanitari non stavano facendo nulla x contrastare il suo sanguinamento. Gli infermieri e i medici più volte tentavano di avvicinarsi a lui ma quest’ultimo li allontanava minacciandoli e tirandogli addosso garze sporche del suo sangue. Venivano prontamente chiamate le forze dell’ordine, il dirigente medico sporgeva denuncia alla polizia x le aggressioni verbali e minacce di morte ricevute. Un pomeriggio di ordinaria follia “