PISTA CICLABILE. FESTA:  «QUELLA CURVA CREA DISAGIO ANCHE A ME. VERIFICHE IN CORSO: CHI SBAGLIA PAGA»

PISTA CICLABILE. FESTA: «QUELLA CURVA CREA DISAGIO ANCHE A ME. VERIFICHE IN CORSO: CHI SBAGLIA PAGA»

8 Marzo 2021 0 Di La redazione

Il sindaco Festa, nel corso della diretta facebook, conferma l’avvio di un’indagine interna su errori progettuali e mancata condivisione amministrativa. «Interverremo per correggere, giudichiamo l’opera quando sarà ultimata, in un sistema di mobilità sostenibile». Queste le dichiarazioni, via social, rese sul caso Viale Italia

“Voglio ringraziare tutte le persone che con oggettività hanno affrontato l’argomento pista ciclabile. Lasciamo stare i polemisti di professione. Obbiettivamente c’era l’esigenza di un’operazione verità. Sapete quanto io tenga alla struttura comunale e sono al fianco della macchina comunale, soprattutto in questa fase in cui mancano 100 dipendenti rispetto alle necessità.  Tendenzialmente faccio loro i complimenti. In questo caso serve un’operazione verità. Ho avviato una verifica interna per far emergere, se ce ne sono, responsabilità. Al di là di foto e manifestazioni, poi c’è il bene comune e la Città che prevale. Ho avviato una verifica degli atti per un’opportuna e indispensabile operazione verità. Se dovessero emergere responsabilità non esiterò a prendere provvedimento conseguenziali, relativamente a iter amministrativo o per errori progettuali. Una cosa voglio garantire, non c’entra nulla questa Amministrazione. Nessun atto è stato approvato da noi. Non c’è stata la condivisione di questo progetto. Non c’è stata la partecipazione nell’iter amministrativo. È giusto approfondire. Ho notato che c’è stata amarezza rispetto alle immagini. Fermo restando che il progetto non è ultimato. C’è un tema. L’amministrazione ha avviato un piano della mobilità. Stavamo studiano come realizzare una mobilità sostenibile un obiettivo ambizioso. Ed all’interno di questo piano sarebbero state calate le piste ciclabili, non un tratto rispetto ad una strada, ma una rete, rispetto ad una visione precisa. È intollerabile che ci sia stata qualche fuga in avanti al netto di scelte e finanziamenti del passato. Stavamo lavorando per redigere con la giunta un piano. Chiaramente con la consulenza e la competenza dell’Università. Questa fuga in avanti dal punto di vista dell’indirizzo politico è sbagliata. Verificheremo. Pensate che quella curva ci faccia piacere e non ci indigni? Quella curva crea disagio a tutti, a partire da me. Dobbiamo capire se ci sono stati problemi o errori progettuali, correggerli e vedere l’opera nella sua completezza all’interno di un sistema. Questa amministrazione si farà carico della verifica. Come tendo a premiare chi s’impegna, state sicuri che se purtroppo hai sbagliato o commesso errori, creando un disagio alla comunità, ci vogliono atti conseguenti. Se ci sono stati errori emergeranno e saranno presi dagli organismi preposti i provvedimenti necessari”.