PINO IRPINO, PRONTA LA CAROVANA DEL 2016

PINO IRPINO, PRONTA LA CAROVANA DEL 2016

2 Dic 2016 0 Di Michela Attanasio

images

Il Pino Irpino è un progetto culturale e sociale grazie al quale una Carovana di ragazzi percorre ogni anno i 118 comuni irpini in circa 60 ore, senza sosta. Un solo viaggio lungo tre giorni, che vede nel 2014 la sua prima edizione, con l’obiettivo di accorciare le distanze non solo geografiche ma soprattutto sociali al grido collettivo di “Irpinia ti voglio bene!”. Il tour è l’occasione per ascoltare storie dei cittadini di tutti i comuni irpini, raccogliere addobbi natalizi, spesso realizzati a mano e rappresentativi del comune di appartenenza, che abbelliranno l’Albero di Natale al centro di Avellino e raccogliere doni per i meno fortunati. Nel 2014 sono stati raccolti oltre 4000 regali, smistati entro Natale sull’intero territorio regionale per la gioia di migliaia di famiglie. Nel 2015, in accordo con il Banco Alimentare e con l’hashtag #unbarattoloperpino, sono stati raccolti 4678 kg di scatolame. Inoltre ad ogni comune è stata chiesta una ricetta tipica e una cartolina rappresentativa del luogo. Nel 2016, oltre a raccogliere le decorazioni necessarie per il tradizionale allestimento dell’Albero di Natale cittadino, la Carovana avrà due finalità, una comunitaria e l’altra sociale, riassunte in due claim:

 #IlPinoPostino

Si chiede ai piccoli cittadini irpini di aprire i loro cuori e mettere su carta un pensiero, un desiderio per Pino (cioè per la propria terra) e soprattutto un augurio speciale per chi, in un comune non molto lontano, è costretto a vivere un Natale diverso, vittima di un evento catastrofico come il terremoto, che gli irpini conoscono bene. Tutte le letterine saranno raccolte e consegnate all’arrivo della Carovana nel proprio comune.

#RicostruiamoConPino

Chi più di un irpino può comprendere cosa vuol dire vivere una tragedia come il terremoto? Il Pino Irpino mira a dare un aiuto concreto al comune di Castelsantangelo sul Nera, piccolo borgo marchigiano distrutto dal terremoto, con una raccolta fondi in cui donare direttamente sul conto corrente aperto dalla don Tonino Bello.