PIANO SOCIALE REGIONE CAMPANIA, LE MISURE PER AZIENDE E PROFESSIONISTI

PIANO SOCIALE REGIONE CAMPANIA, LE MISURE PER AZIENDE E PROFESSIONISTI

15 Aprile 2020 0 Di Pellegrino Marciano

Nella giornata di domani saranno pubblicate quelle relative al sostegno ai professionisti e ai lavoratori autonomi. Nei prossimi giorni quelle riferite alle altre misure prevista dal Piano.

Entrando nel dettaglio delle misure previste per le imprese, consistente in un bonus una tantum di 2.000 euro, possono accedervi le microimprese che operano nei settori destinatari dei provvedimenti di sospensione delle attività sia da parte del Governo centrale che della Regione Campania e che:

– abbiano sede operativa nella Regione Campania;
– risultino iscritte nel Registro delle Imprese istituito presso la CCIAA territorialmente competente;
– abbiano registrato nel 2019 un fatturato inferiore a 100.000€;
– abbiano un numero di occupati inferiore a 10.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDA

1.L’avviso sarà visionabile sul sito della Regione Campania, al link

http://conleimprese.regione.campania.it

2.Pena l’esclusione, le domande di agevolazione dovranno essere compilate on line, accedendo, previa registrazione, al sito http://conleimprese.regione.campania.it
e inviate mediante procedura telematica.

3.Sarà possibile presentare domanda dalle ore 10 del 20 Aprile 2020 alle ore 24 del 30 Aprile 2020.

4.Dal 20 aprile 2020 alle ore 10 all’indirizzo http://conleimprese.regione.campania.xn--itsar-vqa/ possibile iniziare la registrazione nel sistema e la successiva compilazione della prescritta modulistica.

5.Il modulo di domanda, compilato tassativamente in ciascuna delle parti di cui si compone, deve essere firmato digitalmente, ai sensi del D. Lgs. n. 82 del 7 Marzo 2005 e s.m.i., dal legale rappresentante dell’impresa richiedente il contributo ovvero, in alternativa, per conto e nell’interesse dell’impresa medesima, da un “intermediario” a ciò abilitato ai sensi del D.P.R. 22 Luglio 1998, n. 322, art. 3, commi 3 e seguenti.

6.La domanda è resa nella forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione/atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 ed è soggetta alla responsabilità, anche penale, di cui agli artt. 75 e 76 dello stesso in caso di dichiarazioni mendaci.

7.Non potranno essere accolte le domande:
a) predisposte secondo modalità difformi e inviate al di fuori dei termini previsti dal presente Avviso;
b) predisposte in maniera incompleta e/o non conforme alle disposizioni di Legge e del presente Avviso e/o non sottoscritta dal legale rappresentante, ovvero dall’ “intermediario” a ciò abilitato ai sensi del D.P.R. 22 Luglio 1998, n. 322, art. 3, commi 3 e seguenti.

Ricevute le domande di ammissione al bonus, le strutture amministrative verificheranno con immediatezza l’effettiva presenza dell’impresa richiedente all’interno del Registro delle imprese e comunicheranno al beneficiario, a mezzo pec, l’ammissione ai benefici del bonus, disponendo l’immediata erogazione a mezzo di bonifico bancario sull’IBAN indicato in sede di presentazione della domanda.

 

SONO OPERATIVE LE MODALITÀ PER ACCEDERE AL BONUS PER PROFESSIONISTI E LAVORATORI AUTONOMI

DESTINATARI

Possono presentare domanda i lavoratori autonomi, titolari di partita IVA attiva alla data del 23/02/2020, in possesso dei seguenti requisiti:
– iscrizione all’albo professionale ed alla relativa Cassa previdenziale privata ovvero, nel caso in
cui l’Albo professionale non sia costituito, alla gestione separata INPS;
– inizio attività prima del 1/1/2020;
– sede/studio sul territorio regionale;
– non iscrizione ad altra forma di previdenza obbligatoria;
– fatturato dell’anno 2019 inferiore ad euro 35.000,00.
Per “fatturato” del periodo si intendono i compensi professionali effettivamente percepiti secondo il principio di cassa al netto dei contributi obbligatori alla Cassa previdenziale e delle spese anticipate per conto del cliente/committente.
Sono esclusi i titolari di pensione, i lavoratori dipendenti, i lavoratori autonomi che non esercitano attività professionali, iscritti alle sezioni speciali dell’A ssicurazione generale obbligatoria dell’INPS

CUMULABILITÀ

Il bonus è quantificato nella misura fissa di euro 1.000,00 (mille) una tantum, per ciascun richiedente.
Il bonus è cumulabile con altri incentivi e con tutte le indennità e le agevolazioni, anche finanziarie, emanate a livello nazionale per fronteggiare l’attuale crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria da “COV ID-19”, comprese le misure nazionali previste dal D.L n. 18 del 17 marzo 2020 e dal D.I del 28 marzo 2020, nei limiti previsti dalla normativa comunitaria.

MODALITÀ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La domanda di bonus dovrà essere presentata esclusivamente con modalità on-line, utilizzando
la piattaforma resa disponibile all’indirizzo https://coniprofessionisti.regione.campania.it. 

L’invio della domanda di partecipazione sarà possibile esclusivamente tramite la piattaforma regionale dalle ore 10,00 del 24 aprile 2020 alle ore 15,00 del 08 maggio 2020 salvo proroghe. La registrazione sarà possibile dalle ore 10,00 del 22 aprile 2020.

Per la registrazione l’utente dovrà utilizzare un indirizzo pec. A seguito dell’inserimento delle informazioni richieste, il sistema genererà automaticamente una pec di conferma della registrazione e di comunicazione della password temporanea di accesso al sistema.

La domanda compilata on-line tassativamente in ciascuna delle parti di cui si compone, deve essere salvata in formato pdf e firmata digitalmente, ai sensi del D. L gs. n. 82 del 7 Marzo 2005 e ss.mm.ii., dal richiedente il contributo, caricata in piattaforma e inviata.
Se il richiedente non è in possesso di firma digitale, la domanda deve essere stampata, firmata e accompagnata da copia del documento di identità. La domanda cosìcompletata dovrà quindi essere caricata nel sistema esclusivamente in formato pdf ed inviata.

Al termine del processo di invio della domanda il sistema trasmetterà pec di conferma e rilascerà la ricevuta di presentazione, completa di numero progressivo, data e ora di invio, quale documento comprovante l’avvenuta presentazione.

Il modulo di domanda, tassativamente compilato on-line, deve essere preferibilmente firmato digitalmente dal richiedente al fine di assicurare la massima celerità e correttezza delle verifiche. Si precisa che per le domande trasmesse prive di firma digitale, il processo di istruttoria utile all’erogazione del contributo potrà avere tempi più lunghi rispetto alle domande firmate digitalmente in quanto sarà necessario effettuare i dovuti controlli sull’identità del dichiarante.

Il richiedente il contributo è tenuto ad indicare nella domanda il codice iban del proprio conto corrente bancario o postale, intestato a sé stesso, con esclusione di IBA N collegati a carte di credito/debito prepagate e/o sistemi elettronici di pagamento (es. Paypal etc.).

Tutte le dichiarazioni inserite in domanda, sono rese nella forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione/atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, soggette alla responsabilità, anche penale, di cui agli artt. 75 e 76 dello stesso in caso di dichiarazioni mendaci.