ADDIO PASQUALE CASILLO, EX PRESIDENTE DELL’AVELLINO E DEL FOGGIA DEI MIRACOLI

ADDIO PASQUALE CASILLO, EX PRESIDENTE DELL’AVELLINO E DEL FOGGIA DEI MIRACOLI

8 Settembre 2020 0 Di Michelangelo Freda

Pasquale Casillo è morto nella notte per un male che combatteva da tempo. L’ex presidente dei lupi si è spento nella notte presso l’ospedale di Lucera, nella provincia di Foggia in Puglia.

Fu presidente dell’Avellino dal 2000 al 2004 conquistando la storica promozione nel campionato di Serie B nel 2002-03 dopo sette anni di assenza dal campionato cadetto. Casillo venne aspramente contestato dalla Curva Sud nella prima stagione nel campionato di Serie B con a guida Zdeněk Zeman.

Avellino, la Serie B con Casillo e Zeman

L’Avellino quell’anno retrocesse in Serie C, concludendo la stagione soli 37 punti, in una delle peggiori stagioni mai disputate dal club campano. Ma quel campionato e l’addio della coppia Casillo-Zeman tornò a far discutere durante il processo Calciopoli in cui Gianfelice Facchetti, figlio di Giancito Facchetti, riportò in aula una confessione fatta dal padre riguardante l’arbitro Nutini: il direttore di gara confidò infatti all’allora presidente dell’Inter di aver ricevuto delle pressioni da Luciano Moggi per la partita Avellino-Messina del 2003/04, conclusasi con la vittoria per 0-1 del club siciliano, affinché il risultato venisse dirottato a favore del club siculo.

Figura particolare del calcio italiano, oggi i tifosi dell’Avellino salutano uno dei presidenti più contestati della propria storia ma anche uno dei più amati per la storica promozione in Serie B dopo sette anni di assenza.