PASQUA BAIANO. LE “SCAPILLATE” INTONANO IL DOLORE DEL POPOLO

PASQUA BAIANO. LE “SCAPILLATE” INTONANO IL DOLORE DEL POPOLO

31 Marzo 2021 0 Di La redazione

Una tradizione esistita fino agli anni ’40 del 900. Nelle parole e nell’opera di recupero portata avanti da Antonio Vecchione, cultore della storia locale ed ospite dello speciale Prima Tivvù-Telenostra, “rivive” il canto popolare che a Baiano le donne intonavano per la rappresentazione del dolore di Maria, e del popolo, in occasione del tempo pasquale

IL CANTO DELL’AVE MARIA DOLENTE

(“MATRE MMARIA RO GIOVERÌ SANTO” OSSIA “MADRE MARIA DEL GIOVEDÌ SANTO)

Matre Mmaria ro gioverì santo

Jeve chiagnenno pe tutto il mondo

Ncontrava nu giureo vestito bianco

Matre Mmaria pecchè vaie chiagnenno

Vaco chiagnenno che nc’ aggio raggione

Aggiu perzo lu mie caro figliuolo

Tu l’hai perzo e io l’aggio truvato

Vicino a na culonna sta nchiuvato

Sta nchiuvato cu tremilia chiuove

E tremilia rose spampanate

Parte Maria e va a Gierusalemme

Tutte li pporte le truvave nzerrate

Maria mette e recchie pe lle senghetelle

Senteva tanta botte de martelle

Metteva ll’uocchie pe cancellate

Senteva tante botte e scurriate

Figlio si mme putisse raperì

‘Na goccia e latte te vurria ra

Figlio, rimme pe qua porte aggia trasì

Mamma nun te pozzo fa trasì

Pecché e chiuove re giureie me fanno male

Figlio, falle pe chellu latte che t’aggiu rate

Rimme pe quala strada me n’aggia jre

Vattenne pe chella strada re ferrare

Rille che fanne e chiuove chiù piccule e cchiù suttile

Che anna passà sti ccarne mie gentile

Maria arrivava abbocca a ddè ferrare

Facite e chiuove cchiù piccule e suttile

Che e carne di mio figlio so gentile

Risponne nu giureo a alda voce

Tre onze e fierre agnugne e nun mancà

Maria sentenne sta nuvella voce

Cariva nterra e era meza morta

Curre Giuvanni cu le virginelle

Curre a ppiglià Maria ca è morta nterra

Curre Giuvanni cu na bella forza

Curre a piglià Maria ch’ è meza morta

Scurava primma o cielo e po la terra

O figlio de Maria mo se sfracella

Po scurava l’aria e po lu sole

O figlio de Maria se ncurona

Scura ll’aria e po lu biss

Lu figlio re Maria sta ncrocefisso

(Madre Maria il Giovedì Santo/andava piangendo per tutto il mondo/incontrava un Giudeo vestito bianco/Madre Maria perché vai piangendo/vado piangendo che ho ragione/ho perduto il mio caro figliuolo/tu l’hai perduto ed io l’ho trovato/vicino ad una colonna sta inchiodato/sta inchiodato con tremila chiodi/e tremila rose spampinate/Parte Maria e va a Gerusalemme/tutte le porte trova chiuse/Maria accosta le orecchie alle fessure/sentiva tanti colpi di martelli/metteva gli occhi per cancellate/sentiva tanti colpi di frusta/ Figlio se tu potessi aprirmi/una goccia di latte vorrei darti/Figlio dimmi per quale porta devo entrare/Mamma non posso farti entrare/perché i chiodi dei Giudei mi fanno male/Figlio fallo per quel latte che ti ho dato/dimmi per quale strada me ne devo andare/vattene per quella strada dei ferrai/digli che facciano i chiodi più piccoli e sottili/ che devono trapassare queste carni mie gentili/Maria arriva davanti ai ferrai/ fate i chiodi più piccoli e sottili/ ché le carni di mio figio sono gentili/risponde un Giudeo ad alta voce/tre once di ferro aggiungi e non sottrarre/Maria sentendo questa nuova voce/cadeva in terra ed era mezza morta/corri Giovanni con le verginelle/corri a prendere Maria che è morta in terra/corre Giovanni con una bella forza/corre a prendere Maria che è mezza morta/scuriva prima il cielo e poi la terra/il figlio di Maria ora si sfracella/poi scuriva l’aria e poi il sole/ il figlio di Maria or s’incorona/ scurisce l’aria e poi l’abisso/il figlio di Maria sta crocefisso)