Home / Sport / Calcio Avellino / PAROLE INAPPROPRIATE DI NOVELLINO IN CONFERENZA. LA SOCIETA’ CHIEDE SCUSA

PAROLE INAPPROPRIATE DI NOVELLINO IN CONFERENZA. LA SOCIETA’ CHIEDE SCUSA

Dopo lo sfogo di Flavio Puleo contro le parole del tecnico dell’Avellino, oggi in conferenza, arrivano le scuse della società. Ricordiamo che l’allenatore aveva in maniera inappropriata utilizzato ripetutamente il termine “sordomuti” riferendosi ad una parte della stampa.

novellino sordomuti

In merito alle dichiarazioni rilasciate questa mattina in conferenza stampa dall’allenatore Walter Novellino, il quale riferendosi ad alcuni giornalisti ha utilizzato in maniera inopportuna la parola “sordomuti”, la società chiede pubblicamente scusa per quanto espresso dal tecnico.

Lo stesso allenatore ha provato a chiarire lui stesso in conferenza, sollecitato dall’addetto stampa, ed ha inteso far sapere che non era assolutamente sua intenzione offendere le persone che vivono quotidianamente la disabilità, avendo una particolare sensibilità per i diversamente abili, mostrata in numerose occasioni nei confronti di quanti soffrono. Nel contempo giungano le scuse da parte del club ai rappresentanti degli organi di informazione per l’espressione inappropriata utilizzata.

“In un momento particolarmente delicato, alla vigilia di una gara importante – ha voluto sottolineare il presidente Walter Taccone, da buon “pater familias”, ho il dovere di smorzare ogni polemica che può nuocere a tutto l’ambiente e logicamente alla squadra”.

novellino sordomuti

Circa La redazione

La redazione

Vedi Anche

PD, LISTE DI GUGLIELMO:FINITO IL TEMPO DEL PARTITO LITIGIOSO, AVANTI CON CREDIBILITA’ E SERIETA’

Nota dei componenti delle liste a supporto del segretario provinciale Giuseppe Di Guglielmo. Riceviamo e ...

TRAFFICO GROTTAMINARDA: SI CAMBIA DI NUOVO CAUSA LAVORI. AUTOMOBILISTI DISORIENTATI.

Ripresi i lavori per la riqualificazione dell’invaso spaziale a Grottaminarda. Interessato uno degli incroci nevralgici ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *