ORDINANZA DEL COMUNE DI AVELLINO AI DIPENDENTI: BOCCHE CUCITE CON I GIORNALISTI

17 luglio 2018 1 Di Michela Attanasio

Dal Comune di Avellino arriva il primo atto ufficiale dell’era Ciampi. Il segretario generale Riccardo Feola ha disposto il divieto assoluto a tutti i dipendenti comunali di comunicare con gli organi di stampa rivelando notizie d’ufficio e diffondendo atti riservati. In caso di inosservanza della disposizione verranno attuati tutti i provvedimenti disciplinari opportuni e necessari. Nell’ordinanza che a dire il vero è la seconda emanata dopo quella delle carte d’identità a cui è stato tolto il limite per lo sportello anagrafe si premette che tra i doveri dei dipendenti comunali è il rispetto dei segreti d’ufficio così il divieto di utilizzare informazioni per fini privati. Un’ordinanza che lascia quantomeno perplessi e che ci spinge, non volendo in questo contesto entrare nel merito dei contenuti, a lasciarvi con due domande, la prima : c’era davvero bisogno di ricordare un dovere già contemplato nel regolamento disciplinare dei dipendenti del Comune  e che pensiamo tutti i lavoratori di palazzo di città conoscono bene? E ancora, perché questa ordinanza in questo momento quando il rapporto tra giornalisti e personale del Comune è stato sempre di grande cordialità? L’unico risultato sarà quello di creare un clima di tensione inutile ed inopportuno per tutti