OMICIDIO MODENA, RESTA IN CARCERE IL 50ENNE IRPINO

OMICIDIO MODENA, RESTA IN CARCERE IL 50ENNE IRPINO

16 Giu 2018 0 Di Anna Guerriero

Resta in carcere , il 50enne Irpino sottoposto a fermo da parte della procura di Modena a seguito dell’omicidio di Raffaele Cavaliere, suo socio in affari avvenuto martedì . Lo ha deciso il Gip,  che a conclusione dell’udienza di convalida del fermo, svoltasi ieri, si era riservato sulla decisione. Il gip non ha convalidato il fermo, ma ha emesso una ordinanza per la custodia cautelare in carcere.
Il 50enne  della provincia di Avellino, proprio nell’udienza di convalida si era detto estraneo ai fatti, avvalendosi subito dopo della facoltà di non rispondere. A incastrare Iil 50enne ci sarebbero 4 indizi precisi. Il primo arriva dalle immagini della videosorveglianza stradale lungo la Via Emilia: i fotogrammi inquadrano la presenza dell’Alfa con il cadavere caricato sul retro. I tabulati delle celle telefoniche indicano a quell’ora e in quel punto il telefono del sospettato. Più importante, il gesto ingenuo dello stesso socio della vittima: a tarda notte chiama una persona – che ora è testimone chiave di questa indagine – per chiedere un passaggio. Quella persona arriva a prenderlo  in via Mavora al lato del bar tabaccheria dove era già parcheggiata l’auto col cadavere. Terzo indizio: il cutter. È un coltellino che lo stesso  avrebbe aiutato a ritrovare: era tra le sue disponibilità, come ha detto il capo della Squadra Mobile. Il cutter sarà analizzato della Scientifica.