Home / Natura&Ambiente / NUOVA PERTURBAZIONE IN ARRIVO. CI ASPETTA UN INVERNO POLARE

NUOVA PERTURBAZIONE IN ARRIVO. CI ASPETTA UN INVERNO POLARE

Maltempo in arrivo, formazione ciclogenesi 25 NOvembre 2015
Ciclone Mediterraneo Giovedi 26 Novembre 2015
Ciclone Mediterraneo Giovedi 26 Novembre 2015 Sull’Italia è presente una circolazione depressionaria a cui sono associate condizioni di maltempo sopratutto al CentroSud, con una accentuazione dei temporali nella serata di Martedì 24 al Sud e Sicilia anche con possibili nubifragi, grandinate, colpi di vento , ma neve oltre i 1400m.
Dettaglio precipitazioni Giovedì mattina 26 Novembre 2015
Dettaglio precipitazioni Giovedì mattina 26 Novembre 2015 Un nuovo guasto del tempo si verificherà a partire dalla serata di Mercoledì quando una perturbazione dal Mediterraneo occidentale si avvicinerà dapprima alla Sardegna e alle regioni tirreniche, Toscana compresa, con precipitazioni inizialmente deboli, ma successivamente, nella notte , sempre più forti quando si formerà un minimo depressionario, ovvero un piccolo ciclone mediterraneo, che andrà di ora in ora approfondendosi fino alla Mattina di Giovedì, raggiungendo addirittura 988 hPa o mBar che dir si voglia, valore che noi definiamo F3 per i cicloni dei Nostri mari.
Nelle prime ore di Giovedì le precipitazioni saranno abbondanti al CentroSud e sulle regioni adriatiche dalla Romagna in giù, con neve che , date le basse temperature, cadrà anche a 300m sull’Appennino Tosco-Emiliano e romagnolo e a 500m su quello abruzzese. Nel corso del pomeriggio-sera è atteso un peggioramento al Sud, Sicilia e sulle regioni adriatiche dalle Marche alla Puglia, con massima intensità sull’Abruzzo e Molise in serata, quando la neve cadrà copiosa o addirittura copiosissima, introno a 1 metro a 700.800m nel totale episodio da Mercoledì a Venerdì mattina, e fiocchi toccheranno oltre all’Aquila anche Chieti, Campobasso e Isernia ovviamente.
Neve collegata al ciclone di Giovedi
Neve collegata al ciclone di Giovedi Questo ciclone mediterraneo di fine autunno fungerà come una calamita nei confronti delle discese di aria artica che come missili polari si fionderanno verso l’Italia valicando le Alpi all’inizio di Dicembre, sin verso il Ponte dell’Immacolata e di sant’Ambrogio.

Circa La redazione

La redazione

Vedi Anche

MORTE MASUCCI. IL GIALLO RESTA FITTO IL DOLORE AUMENTA

Sulla morte del dentista Ugo Masucci si attende ancora una risposta, anzi la risposta. Com’è ...

SANITA’: ALAIA, SETTORE HA BISOGNO DI 4MILA UNITA’, BENE RICHIESTA DE LUCA A GOVERNO

“Il rilancio della sanità in Campania passa anche attraverso il rafforzamento della pianta organica, che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *