NAVIGATOR, CIARAMBINO E SAIELLO (M5S): DE LUCA SOLO RESPONSABILE DELLA MANCATA ASSUNZIONE

NAVIGATOR, CIARAMBINO E SAIELLO (M5S): DE LUCA SOLO RESPONSABILE DELLA MANCATA ASSUNZIONE

26 Agosto 2019 0 Di La redazione

“C’e’ un unico responsabile della mancata assunzione dei 471 vincitori del bando per Navigator in Campania ed e’ Vincenzo De Luca. E’ lui il solo interlocutore che deve dar conto della sua assurda decisione di non firmare la convenzione con Anpal che consentirebbe di far lavorare ragazzi che hanno vinto un bando pubblico, frutto dell’accordo stipulato il 17 aprile in Conferenza Stato-Regione e firmato dalla stessa Regione Campania, rappresentata in quella sede dal vice di De Luca Fulvio Bonavitacola. Un accordo che oltre a definire il numero dei navigator da impiegare in Campania, prevedeva anche uno stanziamento di 11 milioni grazie ai quali procedere all’adeguamento strutturale e informatico dei nostri centri per l’impiego. Soldi che la Campania perdera’ se De Luca non dara’ il via libera all’assunzione dei navigator”. Cosi’ in una nota la capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino e il consigliere regionale M5S Gennaro Saiello.

Per i due “e’ istituzionalmente scorretto De Luca quando si assume i meriti dell’annunciato concorso per 650 dipendenti nei centri per l’impiego, che potra’ realizzare solo grazie a uno stanziamento, da parte del nostro governo, di 120 milioni per l’assunzione di oltre 4mila dipendenti in tutta Italia. Cosi’ come e’ scorretto e ipocrita quando parla dei navigator come di lavoratori precari, tenuto conto che gli attuali 55 precari Anpal sono utilizzati nei centri per l’impiego campani proprio grazie a un accordo tra il suo assessore al Lavoro Palmeri e l’allora governo Renzi. E mentre l’Anpal sta lavorando a un piano di stabilizzazione dei 400 precari a livello nazionale da poter impiegare nella fase 2 del reddito di cittadinanza, il rischio – denunciano i pentastellati – e’ che gli unici a rimanere fuori dalla stabilizzazione saranno proprio i 55 della Campania. Tutto questo grazie a De Luca che sta impedendo la partenza della fase 2 del reddito di cittadinanza non firmando la convenzione per l’assunzione dei Navigator. Figure che, incrociando domanda e offerta di lavoro, sono indispensabili per il processo di inserimento o reinserimento nel mercato del lavoro degli attuali percettori del reddito di cittadinanza”.

Se la Regione non firma la convenzione con l’Anpal, i navigator “non potranno lavorare e 240mila percettori di reddito di cittadinanza in Campania rischiano di non ricevere offerte di lavoro”. Accantonando il “vergognoso tentativo” di girare la frittata e “addossare le colpe al nostro ministero del Lavoro”, De Luca per Ciarambino e Saiello dovrebbe “trovare il coraggio di ammettere la vera ragione di questa sua scelta. Che e’ quella di impedire a tutti i costi che, grazie all’impegno dei Navigator, sara’ finalmente trovata un’occupazione ai percettori di reddito di cittadinanza. Prendesse esempio dai suoi omologhi nel resto delle regioni d’Italia e apponesse finalmente quella una firma che dara’ lavoro a quasi 500 giovani laureati e dara’ vita – concludono i consiglieri regionali – alla piu’ importante e rivoluzionaria misura di politica attiva del lavoro nella Regione con uno dei piu’ alti tassi di disoccupazione d’Europa”.