MORTO NEL CANTIERE, FIORDELLISI (CGIL): «PIU’ POTERI ALL’ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO»

MORTO NEL CANTIERE, FIORDELLISI (CGIL): «PIU’ POTERI ALL’ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO»

10 Settembre 2020 0 Di La redazione
«Ancora una morte sul lavoro nel settore edile in Irpinia.   È difficile chiedere e pretendere più prevenzione, sui luoghi di lavoro, quando anche persone esperte, ex titolari di impresa, muoiono nei cantieri», così Franco Fiordellisi sull’ultimo tragico evento nella nostra provincia.
«Durante il lockdown – osserva il sindacalista – tutti hanno ricordato come la vita sia un bene troppo prezioso: parole che, amaramente, sono rimaste tali. La fase post chiusura ci consegna un incremento di infortuni e morti sul lavoro spaventoso, così come le criticità ambientali, su questo bisogna riflettere ed agire».
«Il governo nazionale deve rivedere le norme sull’Inl, dando più personale ispettivo e riassegnare le funzioni proprie di controllo all’ispettorato. Nel caso di specie la morte dell’ex titolare della ditta Edil Coppola, adesso passata alla figlia, ci convince che la formazione e prevenzione deve essere massima e che l’esperienza non è mai sufficiente da sola, serve sempre cautela e coscienza del limite, per preservare la vita».
«Siamo tra i paesi europei in cui gli incidenti sul lavoro sono ai massimi livelli e questo non è sopportabile. E quindi non ci dobbiamo stancare di mettere in campo tutti gli sforzi utili per mettere fine, limitando, questa ecatombe civile di morti e feriti sul lavoro».