Home / Cronaca Avellino / TRUFFE ON-LINE, 4 PREGIUDICATI NEI GUAI

TRUFFE ON-LINE, 4 PREGIUDICATI NEI GUAI

Intascano la caparra per la merce venduta on line e poi spariscono, quattro denunce

L’attività dell’Arma finalizzata alla prevenzione e repressione dell’odioso fenomeno delle truffe, continua in maniera incessante. Grazie anche all’azione di contrasto intrapresa dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino con l’iniziativa  “DIFENDITI DALLE TRUFFE”, i Carabinieri della Stazione di Montella hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria quattro pregiudicati, due della provincia di Foggia, un calabrese ed un bergamasco.

A cadere nella trappola dei quattro furfanti, tre giovani ed una coppia di Montemarano che, in cerca di un buoni affari, venivano attratti dai prezzi oltremodo convenienti di autovetture, di alcuni mezzi agricoli e dei relativi pezzi di ricambio.

Una Fiat Panda 4×4, un mini-escavatore e diversi pezzi di ricambio, tra cui anche 4 fiammanti cerchi in lega e pneumatici.

Ignari del raggiro in cui sarebbero incappati, effettuavano il pagamento mediante il versamento dell’importo su carta prepagata.

Ricevuti i compensi pattuiti, circa 4000 euro, i fittizi venditori omettevano la consegna dei prodotti acquistati.

Le vittime, ricordando anche quanto letto sulla locandina realizzata dall’Arma e vista affissa in paese, non esitavano quindi a sporgere denuncia presso la locale Caserma dei Carabinieri.

Gli investigatori, a seguito di mirate indagini, riuscivano ad identificare e denunciare in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino le quattro persone, ritenute responsabili del reato di “frode informatica”.

Circa Vincenzo Di Micco

Vincenzo Di Micco

Vedi Anche

LE SCUOLE DI ATRIPALDA SONO SICURE? IL SINDACO TIRI FUORI LE CARTE

Commissionato da otto mesi uno studio sulla staticità degli edifici atripaldesi. Ancora nessuna notizia alla ...

ARIANO IRPINO, AGENTI DI POLIZIA AGGREDITI IN CARCERE

LE PROTESTE DEL SAPPE: “CAMPANIA PENITENZIARIA E’ ALLO SBANDO” Ancora alta tensione in un carcere ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *