MICOVSCHI OUT, DI GAUDIO E KANOUTE’ PER BRAGLIA. BALLOTTAGGIO IN AVANTI

MICOVSCHI OUT, DI GAUDIO E KANOUTE’ PER BRAGLIA. BALLOTTAGGIO IN AVANTI

7 Settembre 2021 0 Di Pellegrino Marciano

Contro il Latina domenica sera vincere sarà l’imperativo. Al Partenio-Lombardi dopo il Campobasso arriverà un’altra squadra che sulla carta appare abbordabile, anche se in Serie C mai dire mai. Sarà un Avellino che però avrà nelle gambe altri allenamenti per consolidare il 4-3-3, con un Di Gaudio che avrà maggior tempo a disposizione per conoscere i compagni e i meccanismi di Braglia e soprattutto si potrà recuperare al meglio Plescia. Da valutare i tempi di recupero di Micovschi che ha riportato una lesione di primo grado al retto femorale. Il romeno resterà ai box 15/20 giorni. In questa fase, infatti, gli esterni d’attacco sono importanti per provare i movimenti del tridente, anche se il ko dell’ex Genoa ha velocizzato il processo d’inserimento di Di Gaudio. Ma il vero nodo ora diventa la punta centrale. Maniero non è ancora nelle migliori condizioni e a Castellammare ha giocato una gara di sacrificio e intensità, facendo a botte coi tenaci difensori centrali delle Vespe. Tanta sostanza, ma in fase realizzativa poco presente. Plescia ha fatto discutere innanzitutto per la condizione non ottimale dopo i problemi gastrointestinali che lo hanno debilitato e successivamente per la stizza della sostituzione che ha visto entrare Messina sul terreno di gioco. Senza dimenticare che in panchina c’è anche uno scalpitante Gagliano, i tifosi però ora darebbero una chance all’ex Real Agro Aversa. Un ragazzo del 2000 che però nel precampionato ha dimostrato di avere un ottimo feeling con il gol, sia di piede che di testa. In rete sempre a Roccaraso, in gol contro il Sorrento, in gol contro la Nocerina. Ovviamente sta seguendo un percorso di crescita ma c’è chi già gli darebbe una chance domenica sera contro il Latina. D’altronde avere quattro punte centrali in rosa giocando con un tridente mette l’allenatore sempre di fronte ad una scelta. Anche se Maniero resta sempre il candidato numero uno per la maglia da titolare, Braglia potrebbe, chissà, decidere di sorprendere ancora una volta.